REGGIO EMILIA LANCIA “ARENA CAMPOVOLO”: Coopservice guida la cordata che realizzerà e gestirà la maxi area spettacoli


REGGIO EMILIA 7 LUGLIO 2017 La capacità tutta emiliano romagnoli di organizzare grandi eventi diventa un business. Dopo tante esperienze spot: Imola e Misano con i festival Rock, gli spettacoli di U2, Luciano Ligabue e Italia Loves Emilia al Campovolo di Reggio Emilia dopo il terremoto diventano, il Pavarotti & Friends e il Modena Park di Vasco Rossi una vera IDEA D’IMPRESA.
Il business plan è pronto e da oggi c’è anche il soggetto imprenditoriale che realizzerà e gestirà la grande “rock area” targata emilia romagna.
La cordata guidata dalla cooperativa Coopservice di Reggio Emilia (circa 800 milioni di euro di fatturato)si è aggiundicata il bando di gara per il finanziamento, la costruzione e la gestione della “Arena eventi Campovolo”, progetto di mandato del sindaco Luca Vecchi.  Del “raggruppamento temporaneo di imprese” vi sono  anche l’impresa di costruzioni Nial di Reggio EmiliaNizzoli e la Società consortile Campovolo, di cui fanno parte, fra le altre, società legate all’imprenditore reggiolese Fabio Storchi, ad di Comer Industries, al correggesse Claudio Maioli (manager di Ligabue) e Ferdinando Salzano, amministratore della Friends&Partners una delle maggiori società italiane che lavora nel settore della musica live e degli eventi.
Il vincitore potrà gestire l’opera realizzata per 18 anni versando un canone d’affitto a Società Aeroporto complessivamente pari a 2,340 milioni di euro.
L’investimento previsto per arrivare al primo “concerto” ammonta a 7 milioni di euro.
La Regione Emilia Romagna ha dato un contributo di 1,7 milioni di euro. Per ogni euro investito attraverso il contributo pubblico della Regione stima di generare un indotto economico sul territorio almeno 100 volte superiore.
Obiettivo dell’intervento è qualificare e valorizzare l’Arena Campovolo come struttura all’aperto attrezzata per grandi concerti ed eventi di rilevanza nazionale ed internazionale, dimensionata per ospitare ogni anno oltre 320.000 persone tra aprile e ottobre.
Il progetto si inserisce in una strategia di promozione turistica regionale che identifica il territorio reggiano come nodo della Music Valley, collegando il turismo legato al luogo di nascita e di produzione di artisti di musica pop-rock a uno spazio per performance unico in Italia e in Europa.

“Nel prendere atto dell’esito di gara per l’aggiudicazione di finanziamento, costruzione e gestione dell’Arena eventi Reggio Emilia, possiamo constatare che è da ora impegnato nella realizzazione di questo progetto strategico per la nostra città un raggruppamento di aziende solide e radicate nel territorio, altamente specializzate nei diversi e rispettivi settori di competenza, come produzione di strutture, tecnologie innovative, servizi e attività gestionali, realizzazione di spettacoli ed eventi musicali”, afferma il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, a seguito dell’aggiudicazione del bando a evidenza pubblica per la selezione con gara europea del partner privato per l’Arena eventi al Campovolo.
“Nel raggruppamento di partner – aggiunge il sindaco – sono dunque presenti tutte le funzioni, gli ‘ingredienti’ per il raggiungimento dell’obiettivo, presupposto fondamentale per la realizzazione e il funzionamento dell’Arena, che si prefigura quale una delle più importanti infrastrutture dedicate all’attività musicale dal vivo, di intrattenimento e cultura a livello europeo. Con Arena eventi, Reggio Emilia potrà diventare punto di riferimento e attrazione di Area vasta per il turismo legato alla musica e si candida a capitale della Music Valley emiliana, con ricadute positive per economia e lavoro, oltre che nell’ambito della ricerca, dell’innovazione e della nuova impresa”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet