PARMALAT: PER HOLDING BSA IN 2015 UTILE SALITO A 431,8 MLN, RICAVI STABILI


COLLECCHIO 2 FEBBRAIO 2017 Conti in crescita nel 2015 sul 2014 per Bsa, la societa’ attraverso la quale la famiglia Besnier controlla in parte direttamente e in parte indirettamente Sofil e Lactalis, a monte della catena di controllo di Parmalat. I conti sono stati pubblicati nel documento di offerta relativo all’Opa volontaria totalitaria lanciata da Sofil sulle azioni Parmalat. Bsa ha chiuso il 2015 con un risultato netto consolidato di 431,8 milioni di euro, in crescita dai 382,8 milioni del 2014. Il risultato netto per azione e’ pari a 348,8 euro, contro 329,8 euro del 2014. Il valore della produzione e’ salito leggermente a 16,82 miliardi da 16,78 miliardi dell’anno prima. Il risultato operativo e’ stato di 1,17 miliardi, contro 1,06 miliardi del 2014. La posizione finanziaria netta a fine 2015 era negativa 3,79 miliardi di euro, contro i 2,86 miliardi a fine 2014. Bsa e’ una ‘societa’ anonima’ di diritto francese con sede a Parigi che detiene tra l’altro il 50,82% del gruppo Lactalis e il 99,99% di Claudel Roustang Galac, che a sua volta ha il restante 49,18% del capitale di Lactalis. Claudel Roustang Galac ha anche il 64,56% di Sofil, il cui restante 35,44% e’ in mano al gruppo Lactalis.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet