PARMALAT: CONFERMATO A 95,1 MLN FONDO PER CONTROVERSIA CENTRALE DEL LATTE DI ROMA


collecchio 6 aprile 2018 Nessuna modifica da parte di Parmalat agli accantonamenti per la controversia sulla Centrale del Latte di Roma con Roma Capitale (gia’ Comune di Roma). Come emerge dalla Relazione finanziaria del gruppo agroalimentare, a fine dicembre 2017 ‘l’appostazione, avvenuta negli anni precedenti, del fondo rischi per ‘Controversia Centrale del Latte di Roma” e’ rimasta invariata a 95,1 milioni di euro, pari all’ammontare registrato a fine 2016. Tale appostazione, si spiega nella relazione di Parmalat ‘si e’ resa necessaria in considerazione dell’attuale soccombenza nel primo grado di giudizio, a seguito della sentenza emessa dal tribunale di Roma nel 2013, e del rischio connesso a tale sentenza’. Infatti, la terza sezione civile del tribunale di Roma ha rigettato ‘tutte le domande dell’attrice Parmalat nei confronti della convenuta Roma Capitale’, dichiarando ‘che Roma Capitale (gia’ Comune di Roma) e’ l’attuale e unica proprietaria del 75% del capitale sociale di Centrale del Latte di Roma, gia’ oggetto del contratto di cessione del 26/1/98 fra Comune di Roma e Cirio’. Per questo e’ stata disposta la condanna di ‘Parmalat Spa all’immediata restituzione a Roma Capitale delle azioni in questione’. Parmalat non ha restituito il 75% del capitale della Centrale del Latte e ha presentato ricorso. La Corte d’appello di Roma ‘all’udienza dell’8 ottobre 2017 ha rinviato all’udienza del 16 maggio 2018′, come gia’ anticipato da Radiocor. La cifra accantonata da Parmalat risulta superiore al valore dato al 75% della Centrale del Latte di Roma da una perizia realizzata da Ernst & Young. Una prima versione del 2013 parla di un valore tra 25 e 34 milioni di euro, superato di qualche migliaio di euro (dovuto a tre ulteriori esercizi in utile) da una seconda perizia del 2016, anno in cui la Centrale del Latte ha conseguito un utile netto di 5,1 milioni, con ricavi per 115,2 milioni.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet