PARMALAT: AMBER, AZIONI POSSONO VALERE FINO A 4,5 EURO CON INCASSO DA CITIGROUP


COLLECCHIO 2 MARZO 2017 compreso anche “il potenziale incasso derivante dal contenzioso Citigroup”, a cui il gruppo di Collecchio ha chiesto 1,8 miliardi di euro di danni. Lo afferma in una nota il fondo Amber, azionista con il 3% circa di Parmalat, in cui rende note le sue valutazioni “a supporto della convinzione espressa pubblicamente” che la societa’ alimentare “possa valere piu'” dei 2,8 euro ad azione offerti da Lactalis con la sua Opa. La valutazione effettuata con la metodologia dei flussi di cassa scontati porta secondo Amber ad un valore per azione Parmalat pari a 3,50 euro (senza tenere conto del potenziale incasso derivante da una valutazione positiva del contenzioso Citigroup). La valutazione effettuata sulla base della metodologia dei multipli di societa’ comparabili, ad avviso di Amber Capital, rende evidente che i multipli impliciti nel prezzo offerto da Lactalis sono piu’ bassi dei multipli ai quali trattano societa’ comparabili a Parmalat. Prendendo in considerazione la media di settore del multiplo EV/EBITDA stimato per il 2017, l’azione Parmalat varrebbe 3,36 euro; guardando invece al multiplo sul 2018, la medesima azione Parmalat varrebbe 3,59 euro. Anche in questo caso non si tiene conto del ponteziale incasso derivante da un esito positivo del contenzioso Citigroup. Includendo il potenziale incasso derivante dal contenzioso Citigroup, Parmalat potrebbe valere tra 3,8 e 4,5 euro per azione. Ieri il titolo Parmalat ha chiuso con un prezzo di riferimento di 2,94 euro.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet