PANARIA GIU’ IN BORSA DOPO I CONTI


FIORANO MODENESE 22 MARZO 2018 Ieri il titolo panariagroup in borsa ha perso il 7% arrivando a 4,185 euro per azione .
Un vero crollo
Le vendite sull’azione sono iniziate due sedute fa dopo la pubblicazione dei risultati dell’esercizio 2017. Gli analisti di Banca IMI hanno tagliato il prezzo obiettivo su PanariaGroup, portandolo da 7,9 euro a 6,9 euro, in seguito alla riduzione delle stime per il triennio 2018/2020; in particolare, gli esperti prevedono per l’esercizio in corso ricavi per 421,1 milioni di euro (dalla precedente stima di 439,4 milioni) e un utile netto 15,7 milioni (20,2 milioni la precedente previsione).
PanariaGroup ha comunicato i risultati del 2017, esercizio chiuso con ricavi per 384,58 milioni di euro, in aumento del 2% rispetto ai 377,05 milioni ottenuti l’anno precedente. La società ha precisato che il fatturato è stato realizzato per l’81% sui mercati esteri, con la quota dei mercati extra‐europei che corrisponde al 46% del fatturato complessivo. In aumento anche il margine operativo lordo, che è salito 40,83 milioni a 42,74 milioni di euro (+4,7%). PanariaGroup ha chiuso lo scorso anno con un utile netto di 11,36 milioni di euro, rispetto agli 11,22 milioni contabilizzati nel 2016.

A fine 2017 l’indebitamento netto del gruppo ammontava a 99,4 milioni di euro, in aumento rispetto agli 83,71 milioni di inizio anno.

Il management di PanariaGroup prevede per il 2018 un andamento complessivamente favorevole, con una partenza moderata e un miglior andamento nella seconda parte dell’anno.

I vertici hanno segnalato che il livello del tasso di cambio euro/dollaro che sta caratterizzando l’inizio del 2018 (media intorno a 1,23) è significativamente penalizzante per i ricavi del gruppo, rispetto a quanto registrato nel primo trimestre 2017.

I vertici di PanariaGroup hanno proposto la distribuzione del dividendo 2018, relativo all’esercizio 2017, per un ammontare di 0,07 euro per azione; la cedola sarà staccata il 21 maggio e messa in pagamento il 23 maggio.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet