OMC RAVENNA – ENI CONFERMA INVESTIMENTI SU RAVENNA -DESCALZI TORNA IL 10 E 11 APRILE


RAVENNA 31 MAZO 2017 L’offshore Mediterranean Conference che si conclude oggi al PalaDeAndrè di Ravenna ha attirato 1.300 delegati da 30 Paesi per capire in quale direzione si evolverà il settore Oil &Gas in uno scenario di grandi cambiamenti che vedrà comunque la domanda di energia crescere di oltre il 30% nel 2035.
Sono ben 10 le delegazioni di Paesi produttori.
Ieri l’amm del di ENI Claudio Descalzi ha chiarito che su Ravenna e sull’Adriatico, al momento, sono confermati investimenti per 600 milioni di euro nelle ricerche offshore in Adriatico con avvio delle operazioni in estate. Eni riconosce al polo di Ravenna e quindi anche a Versalis un ruolo di primo piano nel piano industriale in fase di realizzazione. Descalzi sarà di nuovo a Ravenna , dove Eni opera da 50 anni, il 10 e 11 aprile per presentare i progetti in fase di avvio sempre che non insorgano divieti legati alla questione delle 12miglia dalla costa per la realizzazione dei pozzi.
Il tema di quest’anno per OMC è proprio la transizione verso un mix energetico sostenibile visto con gli occhi del contributo che le industrie del settore oil & gas possono dare.
All’edizione 2017 di OMC, la tredicesima, che rimane la principale vetrina dell’oil & gas nel bacino del Meditteraneo, il vero hub del gas mondiale, sono attesi 20mila operatori del settore attirati anche dall’area espositiva con 650 aziende di standing mondiale. C’è anche lo stand di Confindustria Romagna che associa molte aziende italiane nel settore.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet