NUOVI ORIZZONTI PER LA ARTONI TRASPORTI


REGGIO EMILIA 13 GENNAIO 2017 Artoni Trasporti di Reggio Emilia ha scelto il gruppo Fercam di Bolzano come partner per avviare una nuova fase di sviluppo delle sue competenze distintive nella distribuzione del collettame a livello nazionale valorizzando così l’esperienza e le potenzialità costruite in oltre ottant’anni di attività al servizio delle imprese. “Vogliamo affrontare al meglio le nuove sfide imposte dal mercato europeo nel settore dei trasporti e della logistica integrata – commenta Anna Maria Artoni, vice presidente esecutivo e amministratore delegato della Artoni Trasporti – Poter contare sulle sinergie con un grande gruppo come Fercam garantirà l’avvio di nuovi progetti e servizi sempre più idonei ed aggiornati per affrontare le sfide che caratterizzano l’attuale mercato, sempre più complesso, nonché far leva per la crescita e lo sviluppo futuro”.I gruppi Fercam e Artoni puntano all’integrazione delle rispettive attività nel settore dei Trasporti e della Logistica integrata con grande attenzione alla qualità, alla trasparenza e alla sostenibilità grazie ai concreti risultati ottenuti con il progetto Artoni Moving Green. Si realizza così una importante aggregazione orientata alla valorizzazione della rete capillare di 70 centri operativi sul territorio che Artoni ha costruito consolidando un fatturato che si attesta stabilmente intorno ai 200 milioni di euro. I dipendenti Artoni sono complessivamente oltre 600 e servono quotidianamente oltre 13.000 imprese clienti con quasi 7 milioni di spedizioni l’anno. Reggio Emilia rimarrà la sede centrale della Artoni. “I clienti Fercam e Artoni potranno però contare su una rete ancora più capillare di punti logistici di distribuzione delle merci – aggiunge Anna Maria Artoni – in modo da garantire ancora maggiore efficacia operativa e minori tempi di transito a costi competitivi. Abbiamo scelto Fercam perché abbiamo individuato nel loro progetto industriale la maggiore garanzia per la continuità aziendale e per il mantenimento del notevole livello qualitativo dei nostri servizi di logistica distributiva”.Le linee guida dell’accordo tra Fercam e Artoni prevedono una gestione improntata sulla coerenza ed adeguatezza organizzativa, sul rigore e sulla focalizzazione sulle linee di business ritenute più strategiche, sulla razionalizzazione e ottimizzazione dei costi, in modo da perseguire un recupero di efficacia, efficienza, redditività tali da porre basi adeguate per affrontare una fase di rapido rilancio dando continuità ai positivi risultati ottenuti dal piano di risanamento realizzato da Artoni nell’ultimo biennio. A seguito dell’operazione il fatturato del gruppo Fercam toccherà i 900 milioni di euro, di cui la maggior parte riferita ad attività di logistica distributiva e contract logistics raggiungendo una massa critica adeguata a garantire i livelli di competitività necessari per affrontare il mercato nei prossimi anni. Fercam Spa ha concluso il 2015 con un fatturato di oltre 633 milioni di euro e impiega attualmente impiega 1.779 dipendenti diretti e oltre 2.300 collaboratori indiretti. Per le varie attività di trasporto dispone di circa 2.850 unità di carico di proprietà e di oltre 900 mila metri quadrati di magazzini in 40 centri logistici di nuova generazione. Artoni avrà quindi accesso a
nuovi segmenti di mercato e a nuove aree geografiche, aumentando significativamente le opportunità di diffusione dei propri servizi sul mercato globale.”Gli accordi – precisa Thomas Baumgartner, amministratore delegato di Fercam – saranno ancora da perfezionarsi in via definitiva, anche in esito all’eventuale procedura autorizzativa dell’autorità Antitrust, ma contiamo di chiudere l’accordo quanto prima”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet