Nordmeccanica: l’italiana che batte i tedeschi a casa loro


PIACENZA 18 SETTEMBRE 2017 È leader di mercato in Germania con una quota del 55% ma è italiana: Nordmeccanica è il primo fornitore delle multinazionali tedesche dell’imballaggio alimentare, con un volume di vendite verso Berlino di circa 7 milioni di euro annui.
“Siamo l’azienda di riferimento per tutte le grandi aziende tedesche del settore”, spiega Antonio Cerciello, presidente di Nordmeccanica, “che a noi chiedono macchinari costantemente allo stato dell’arte della tecnologia, perché quello dell’imballaggio è un settore maturo, in cui la competizione si gioca soprattutto sull’incremento dei volumi e dell’efficienza, per salvaguardare margini di vendita sempre più risicati”.
Dopo aver chiuso il 2016 con 100 milioni di fatturato, generato all’estero per il 95%, a giugno 2017 Nordmeccanica ha già raccolto ordini in grado di saturare la capacità produttiva dei tre stabilimenti di Piacenza (2) e Shanghai per tutto il 2017, con una proiezione di crescita del 10%.
Nel frattempo, la famiglia Cerciello ha avviato una seconda area di sviluppo, in un mercato per lei nuovo: quello della cosiddetta metallizzazione, vale a dire la produzione di film in poliuretano ricoperti da una laccatura in alluminio, capaci di massimizzare la capacità protettiva degli involucri per alimenti, farmaci e apparecchiature che non possono essere esposte a rischi di contaminazione, sostituendo i fogli di alluminio, con risparmi nell’ordine del 30-40%. Un settore di nicchia, con tre soli operatori in Europa: uno in Gran Bretagna e due proprio in Germania.
“Abbiamo consegnato le prime macchine per la metallizzazione nel 2016”, spiega Cerciello, “dopo due anni di lavoro per riprogettare da zero i macchinari basati sulla tecnologia del vuoto acquisiti rilevando la Galileo Vacuum Systems, ex divisione delle Officine Galileo di Firenze. L’abbiamo rilevata nel 2014 e nel 2017 prevediamo 8 milioni di ricavi da questa tecnologia, che ci consente di aggredire un mercato totalmente nuovo per noi, ma nel quale possiamo portare la forza del marchio Nordmeccanica a livello mondiale e un’attitudine all’innovazione tecnologica che ci permette di tenere a distanza tutti i nostri competitor, anche grazie ai costanti investimenti in ricerca e sviluppo, che assorbono il 5% del fatturato annuo”.
 Nordmeccanica Spa è leader mondiale nella produzione di macchine per gli imballaggi flessibili ecosostenibili. La società ha 280 dipendenti e un fatturato per il 2016 di 100 milioni di euro (+15% rispetto al 2015), con cinque stabilimenti (tre in Italia, uno Cina e uno negli Stati Uniti), due sedi dirette, in India e Argentina, e rappresentanze in 87 paesi del mondo.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet