MAX MARA CELEBRA DOPO 50 ANNI IL LOGO CREATO DA ERBERTO CARBONI


REGGIO EMILIA 10 APRILE 2018 Lo storico logo Max Mara degli anni ’50 diventa il protagonista di #maxmaragram presentato sui look della sfilata primavera estate 2018 dal gruppo della famiglia MAramotti.
Fu Achille Maramotti a volere quel logo affidando al genio creativo del parmigiano Erberto Carboni.
Un motivo figurativo e un carattere tipografico ridisegnati in maniera nuova e originale partendo dalle campagne pubblicitarie di Max Mara degli anni ‘50. L’ispirazione: un “lettering” già presente in antiche epigrafi scoperte a Roma, risalenti a quasi 2000 anni fa, divenuto noto dall’inizio del XIX° secolo con il nome di “Tuscans”.
Nella storia di Max Mara lo ha usato anche l’artista-illustratore Erberto Carboni, grande maestro e pioniere della grafica italiana, per un poster del 1958, di ispirazione per il nuovo pattern “logato” Max Mara. Rivisitato in maniera del tutto nuova e originale alla luce dell’oggi – ma sempre distinguibile per le sue lettere dalle volute e riccioli elegantemente aggraziati – ha preso il nome di #maxmaragram e caratterizza una speciale “capsule collection” di abiti, accessori e complementi in vendita negli store
e sul sito Max Mara.
Ed è solo la prima puntata di una storytelling intitolata “Il lusso di una storia autentica” dove ad ogni corner della boutique corrispondono un’anima della maison e una nuova intuizione di Achille Maramotti perennemente alla ricerca del bello in giro per il mondo che ha posto alla creazione di un gruppo che viaggia verso 1,5 miliardi di fatturato con alti margini di redditività.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet