Le innovazioni tecnologiche presentate al SAIE testimoniano l’eccellenza italiana


bologna 22 ottobre 2018 Si è conclusa con un bilancio positivo sabato a Bologna Fiera la 53esima edizione del SAIE
SAIE 2018 è stata un’occasione di networking e confronto, che ha visto protagonisti le aziende e i massimi esperti del comparto, con numeri di rilievo: 450 espositori, 40mila metri quadrati occupati, 48 top speaker sul tema della digitalizzazione, 53 progetti candidati al BIM&DIGITAL Award e 15 vincitori , 100 momenti formativi con rilascio di crediti, 3 conferenze internazionali, 10 delegazioni estere, oltre a 6 piazze dell’eccellenza, 6 arene Digital & BIM e 3 aree della cosiddetta “digital experience”, spazi fortemente interattivi, con attività dimostrative, per toccare con mano come funziona il digitale. SAIE 2018 è stata anche l’occasione per apprezzare gli spazi ampliati di recente nel quartiere fieristico bolognese, come annunciato nell’edizione del 2016, con il rinnovamento dei Padiglioni 29 e 30 a cura dello studio Di Gregorio Associati.
L’importanza dedicata da SAIE 2018 all’innovazione ha fatto mostra di sè negli spazi di Acca Software con
simulazioni, test pratici e realtà aumentata. Attenzione al legno con un dialogo aperto con un’azienda come Wolf Haus
e con il Consorzio Innova FVG, già conosciuto a scala nazionale per il suo impegno ad Amatrice, che vede un pool di
imprese, riunite insieme per essere più forti sul mercato. Tappa da Geomax e CSPFea nell’area software, dialogo con
Andil e Federbeton incontrando quindi il mondo del laterizio e del calcestruzzo. Tappa da Italcementi –
HeidelbergCement Group dove l’innovazione della stampante 3D è stata affiancata al BIM ed è stato costruito in
tempo reale un prototipo con massima precisione e rapidità.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet