LAMINAM PARTNER DI “VAA VIGNOLA ARCHIVES OF ARCHITECTURE”


MODENA 24 LUGLIO 2017 LAMINAM, specialista nella produzione di lastre ceramiche di grande formato e minimo spessore per gli esterni, gli interni e l’arredamento, testimonia l’attenzione per il mondo dell’architettura, il legame con il proprio territorio di origine nell’ottica di un’apertura all’internazionalizzazione partecipando come partner principale al progetto “VAA Vignola Archives of Architecture”.

VAA Vignola Archives of Architecture è un percorso di ricerca innovativo concepito in collaborazione con la Fondazione di Vignola, che si inserisce all’interno del progetto di riqualificazione dello storico Palazzo Contrari-Boncompagni, con il fine ultimo di istituire un centro di ricerca sull’architettura contemporanea.
Numero ricorrente che ispira e guida questo progetto è il 5, come nell’approccio dell’architetto Jacopo Barozzi “Regola delli 5 Ordini di architettura” (1562). Il progetto infatti si sviluppa lungo un arco temporale quinquennale per analizzare le specificità di uno dei 5 distretti produttivi locali: Ceramica, Meccanica, Biomedicale, Tessile e Agroalimentare. Si comincia quest’anno con il primo tema, coinvolgendo 15 studenti di 5 prestigiose università europee (University of East London, Royal Academy of Art The Hague, Delft University of Technology / The Berlage, Accademia di Architettura di Mendrisio, Lisbon Architecture Triennale) per un percorso di analisi e sperimentazione di una settimana dal 15 al 22 luglio 2017 a Vignola.

Il workshop mette in relazione il processo produttivo delle grandi lastre ceramiche Laminam con gli elementi costitutivi del Palazzo Contrari-Boncompagni di Vignola. Cinque ambasciatori accompagneranno gli studenti nello studio del prodotto ceramico LAMINAM attraverso un percorso di sperimentazione creativa che analizza ogni step della fase produttiva della lastra (pressione, stampa, taglio, scarto e flessione) e lo traduce concretamente in uno specifico elemento architettonico classico: la compattazione diventa una colonna, la stampa un affresco, il taglio una porta, gli scarti un pavimento e la flessione viene sfruttata per creare una volta.

Il calendario del seminario prevede per il 17 luglio la visita all’interno degli stabilimenti produttivi LAMINAM di Fiorano Modenese, nei giorni seguenti le esercitazioni sui temi di ricerca che porteranno all’esposizione degli elaborati finali il 22 luglio all’interno del Palazzo Barozzi di Vignola e, durante la serata, è prevista dalle 21.30 una tavola rotonda aperta al pubblico in Piazza dei Contrari.

Occasione preziosa per presentare la propria rivoluzionaria lastra ceramica alle future generazioni di progettisti e a personalità strategiche all’interno degli enti e dei centri di ricerca universitari coinvolti nel progetto, LAMINAM partecipa come Sponsor a VAA Vignola Archives of Architecture in virtù dello spirito di conquista e del viaggio alla ricerca di nuove prospettive tipico dall’azienda di Fiorano Modenese, in grado di vestire ogni ambiente con il proprio materiale coniugando tecnologia all’avanguardia, visione imprenditoriale e creatività tipicamente italiane.

Laminam S.p.A.
Nata nel 2001 da un’intuizione dell’Ing. Franco Stefani, che per primo ha pensato a questo prodotto innovativo brevettandone la tecnologia e immaginandone le applicazioni, LAMINAM si è affermata in pochi anni perseguendo un’unica mission: produrre lastre ceramiche dal valore artistico e funzionale, materia duttile nelle mani dei progettisti per la capacità di essere lavorata assecondando le diverse necessità di racconto e interpretazione. 
Con più di 130 superfici a catalogo, la produzione LAMINAM si declina in due anime corrispondenti ai due formati di lastre, 1000x3000mm con spessore 3 e 5 mm e 1620x3240mm con spessore 12 mm, frutto di un impianto altamente automatizzato e tecnologicamente avanzato realizzato dal Gruppo System di cui fa parte. LAMINAM opera attraverso un processo produttivo all’avanguardia che ruota intorno ad un esclusivo sistema di compattazione di argille e feldspati estremamente selezionati. Fra le altre tecnologie di punta utilizzate da LAMINAM, raffinati sistemi di decorazione della lastra, forni ibridi gas-elettricità a basso consumo e sistemi di taglio a secco che riducono il consumo di acqua e i costi di depurazione, in un approccio eco-compatibile che si fonda su tre pilastri: materie prime naturali, tecnologie sostenibili e prodotti interamente riciclabili.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet