La start up Oniolink ha presentato OnionOne alla fiera Sicurezza che si è appena conclusa a Milano


PARMA 30 NOVEMBRE 2017 Alla 19esima edizione della fiera
biennale “Sicurezza” che ha appena chiuso i battenti a Milano il
debutto del sistema di allarme OnionOne, brevettato dalla start up
parmigiana Oniolink, è stato accolto con molto interesse.
Centinaia di contatti con i veri professionisti del settore sicurezza,
installatori e progettisti di sistemi domotici, hanno confermato al
team Onionlink che si tratta di una vera innovazione: “ OnionOne è
una protezione sempre attiva su persone e beni- spiega l’inventore,
il modenese Filippo Guerzoni, amministratore delegato di Onionlink
– il vero “uovo di Colombo” è che questo sistema di protezione,
applicabile in ambito domestico, commerciale, industriale e militare
(per proteggere obiettivi sensibili), non necessita di essere attivato
e disattivato come accade con gli allarmi tradizionali”.
Un tema centrale nei contatti in fiera con gli installatori e con gli
specialisti che si occupano di sicurezza che ha trovato, quasi in
contemporanea, l’ennesima conferma nelle cronache italiane: un
quadro di De Chirico rubato in un museo, in pieno giorno, senza
problemi perché l’allarme entra in funzione solo quando il museo è
chiuso.
Il sistema Onionlink risolve del tutto questo problema con una
soluzione innovativa: una protezione su persone e beni, un
“cancello virtuale”, attivo dentro e fuori la casa h24, 365 giorni su
365.
In ottica smartBuilding la neonata società parmigiana si prepara a
commercializzare un kit che unisce l’efficacia funzionale
all’interattività e alla facilità di installazione/gestione del sistema
d’allarme e già nel 2018, l’anno del Go Live, inizieranno le
installazioni in tutta Italia.
“Il nostro investimento si basa su valutazioni concrete, ribadite dai
contatti nel corso della Fiera Sicurezza – spiega il presidente di
Onionlink Cesare Micheli – il settore sicurezza a fronte di due furti
e/o aggressioni al minuto nelle case Italiane quindi è un focus
importantissimo: vale 2,3 miliardi di euro di fatturato in Italia e per il
2017 è prevista una crescita oltre il 5%. Onionlink è un prodotto
innovativo e globale. Una soluzione che potrà dare un segnale di
rinnovamento in un settore maturo dove di fatto le vere novità,
anche in fiera, erano pochissime”.
OnionOne grazie alla tecnologia digitale riconosce, identifica e
abilita, prima all’ingresso poi alla permanenza in casa, solo i
componenti della famiglia attivando automaticamente e in tempo
reale, nel caso di intrusioni, tutte le procedure di contrasto utilizzate
da un sistema di allarme tradizionale.
Onionlink infatti non sfrutta la normale architettura sensori-centrale
ma una architettura IOT (Internet of Things): “il nostro sistema crea
un reticolo elettronico (Net-Gate) dentro e fuori la casa – spiega
Filippo Guerzoni, amministratore delegato di Onionlink – che
consente di monitorare cosa succede all’interno e all’esterno e
quando si verificano situazioni di pericolo (intrusione di persone non
autorizzate) attiva i sistemi di alert al proprietario e/o alle forze
dell’ordine”.
Onionlink è una newco che nasce a Parma dalla partnership al 50%
tra Filippo Guerzoni, 44 anni, modenese, ingegnere elettronico, che
ha progettato il nuovo sistema di allarme e Cesare Micheli, 61 anni,
parmigiano, che segue fin dall’inizio gli aspetti industriali e
finanziari del progetto sia in Italia che all’estero.
Con 25.569 visitatori professionali in tre giorni (+35% rispetto alla
scorsa edizione la fiera Sicurezza è stato il banco di prova ideale per
Onionlink: “L’accoglienza positiva e l’intesse per testare OnionOne –
conclude Filippo Guerzoni – non erano per nulla scontati e siamo
molto soddisfatti del lavoro svolto che porta verso una
accelerazione del nostro piano di sviluppo.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet