LA RETE AUTEBO.NET INCORPORA 01NET


BOLOGNA 17 LUGLIO 2017 La Rete d’imprese per la subfornitura meccanica e meccatronica Autebo.Net cresce e si rinforza grazie all’ingresso di due imprese, 01Wiring ed Elettrotecnica Imolese, appartenenti alla Rete per la subfornitura elettronica, elettrotecnica ed elettromeccanica 01Net che confluisce quindi in Autebo.

Si tratta del primo caso di “incorporazione” di una rete da parte di un’altra, un processo frutto del lavoro sinergico e dell’esperienza acquisita dalle due realtà, nella convinzione che i clienti debbano avere un interlocutore unico dal punto di vista meccanico ed elettronico in grado di offrire un servizio flessibile e competitivo.

“Nasce così la prima Rete meccatronica, capace di esprimere al meglio i parametri della quarta rivoluzione industriale”, dichiara Ivano Corsini, fondatore di Autebo (Automation Technologies Bologna), la Rete nata nel 2013 dall’aggregazione di aziende compatibili per filiera e per settore di mercato con l’obiettivo di diventare il punto di riferimento, nel territorio bolognese e non solo, per la subfornitura meccanica e meccatronica. Nel corso degli anni la rete Autebo.Net si è ampliata ed oggi, con l’ingresso delle due realtà provenienti da 01Net, è composta in totale da 15 aziende: 01Wiring, Angelo Zani & C., AU.TE.BO. Spa (organo comune della rete), AZ.M, Baldoni, Elettrotecnica Imolese, Francia, Funari & Gentilini, Gaser Bologna, Mancini Mec-Service, Meccanica2000, Mpc, Plasticenter, Sfem e Stima.

“Il mercato chiede sempre di più aggregazioni di piccole imprese e capo-commesse e/o capo-filiera perché sempre di più diviene necessario razionalizzare e condividere la filiera produttiva, che contestualmente incrementa la propria competitività sul mercato”, spiega ancora Corsini. Per questo Autebo ha sottoscritto un programma di rete che prevede, tra le altre cose, la condivisione e lo scambio di informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica e tecnologica; la condivisione di strategie di marketing comuni, quali ad esempio la partecipazione a fiere o meeting per accrescere la capacità innovativa degli aderenti; la comune fruizione delle risorse aziendali e delle specifiche competenze tecniche al fine di poter meglio perseguire gli obiettivi strategici della rete; la realizzazione di tutti gli investimenti utili a migliorare le capacità tecniche delle imprese aderenti; l’esercizio in comune di una o più attività; l’accesso facilitato a fondi comunitari e ad agevolazioni fiscali; il focus sull’innovazione dei processi di produzione secondo i principi dell’industria 4.0; l’incremento della competitività della rete e dei singoli aderenti.

Tra i servizi proposti, progettazione e produzione di automazioni, carpenterie e protezioni; asportazione truciolo, taglio laser e saldatura certificata; forniture tecniche commerciali; forniture di minerali metalliferi, metalli ferrosi, semilavorati e materie plastiche; trattamenti superficiali e verniciatura industriale; montaggio, assistenza e manutenzione; installazioni, avviamenti e collaudi; progettazione elettronica, hardware, software e plc; progettazione e produzione di impianti per automazione, quadri e bordo macchina; progettazione e produzione schede elettroniche, cavi speciali e stampa 3d.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet