LA FAMIGLIA MARAMOTTI CHIUDE BENE IL 2015 TRA INDUSTRIA (MAX MARA) E FINANZA (UNICREDIT E CREDEM)


REGGIO EMILIA 3 AGOSTO 2016 La società Mmi presieduta da Ignazio Maramotti ha registrato un utile di 24 milioni di euro rispetto ai 3,1 milioni del precedente esercizio. Sono andate quindi benissimo, nel 2015, le due subholding della famiglia Maramotti, proprietaria di Max Mara e azionista del Credem, che hanno sede in Lussemburgo dopo che quattro anni fa furono separate nel Granducato le attività commerciali e di holding da quelle finanziarie, trasferendo le seconde dalla Max Mara International Sa (Mmi) alla International Fashion Trading Sa (Ift), entrambe controllate dalla capogruppo italiana Max Mara Finance. A pubblicare i dati è MF Milano Finanza.
Note altrettanto positive per Ift, il cui 2015 si è chiuso con un’utile di 23,8 milioni rispetto ai 5,6 dell’anno prima e anche in tal caso il profitto è andato a riserva.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet