IREN: PEVERARO, NEL SETTORE RESTANO INCERTEZZE SU GARE GAS, IDRICO E RIFIUTI


REGGIO EMILIA 28 APRILE 2017 – Le gare d’ambito per le forniture di gas, la remunerazione degli investimenti sull’idrico e la gestione delle filiere ambientali. Sono i tre ‘nodi’ che oggi caratterizzano il settore italiano delle multiutility secondo il presidente del gruppo Iren, Paolo Peveraro, che ne ha parlato durante l’assemblea annuale degli azionisti a Reggio Emilia: ‘Il settore domestico dei servizi pubblici, che genera ricavi superiori al 6% del Pil nazionale – ricorda il numero uno dell’azienda – ha risentito di elementi di notevole incertezza: non sono ancora entrate nel vivo le annunciate gare gas, permane il dibattito ideologico sulla cosiddetta ‘acqua pubblica’ in seguito all’esito del Referendum 2011 e intere aree del Paese non riescono ancora a dare risposte al problema dei rifiuti’. In questo contesto, continua Peveraro, il gruppo ha chiuso il bilancio 2016 con ricavi pari a 3,28 miliardi di euro (+6,1%), un Mol di 814,2 milioni (+20,1%) e un utile netto consolidato di 174 milioni (+47,2%). Nel corso dello scorso anno, la multiutility ha inoltre definito l’acquisizione dell’80% di Trm Spa, che gestisce il termovalorizzatore di Torino, del 60% di Atena Vercelli e del 45% in Gaia, societa’ attiva nella gestione ambientale ad Asti. Quanto agli investimenti previsti nel piano industriale, si tratta di 2,2 miliardi di euro entro il 2021, il 98% dei quali destinati allo sviluppo sui territori.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet