Iren, il socio Genova apre la porta a nuovi soci


reggio emilia 6 dicc 2018 Nuovo colpo di scena sull’asse Genova-Torino nella delicata partita su Iren. A fine novembre, il capoluogo piemontese ha ceduto il 2,5% dell’utility sul mercato scendendo al 13,8% mentre quello ligure è diventato il primo socio, conservando il suo 16,6% e approvando, inoltre, in consiglio comunale il ricorso al debito per 130 milioni anche al fine di arrotondare la propria quota. Genova controlla la partecipazione attraverso Finanziaria Sviluppo Utilities e, da una lettera inviata dal sindaco Marco Bucci alla Consob, si apprende – come riportato da Radiocor – che tra le ipotesi sul tavolo c’è anche il possibile ingresso di nuovi soci nella holding, oggi al 100% comunale, «mediante aumenti di capitale o apporti di azioni Iren». Tutto ciò – va ricordato – comunque nei limiti del 2,5% e, si sottolinea nella missiva all’Autorità, al fine di mantenere invariata la percentuale pubblica all’interno della multiutility. Con l’assemblea di primavera, peraltro, si rinnovano i vertici della società, che in ogni caso viene da un triennio caratterizzato da un significativo miglioramento di conti e redditività.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet