Iren: finanziera’ rimborso project financing di Trm a Torino


REGGIO EMILIA 15 MAGGIO 2017 Il Cda di Iren  ha deliberato la disponibilita’ a finanziare la societa’ indirettamente controllata Trm – Trattamento Rifiuti Metropolitani, il rimborso anticipato volontario del project financing originariamente di massimi 413 milioni di euro e con debito residuo al 30 giugno 2017 pari a 303,5 milioni di euro. Una coerente decisione, informa una nota, e’ stata assunta dagli organi sociali di Trm, che hanno, percio’, deliberato di accettare la proposta di finanziamento di Iren e di richiedere alle banche finanziatrici il rimborso anticipato volontario del suddetto project financing con surrogazione di Iren  nella posizione delle Banche Finanziatrici. Il contratto di project financing oggetto delle predette delibere era stato stipulato il 29 ottobre 2008 per finanziare la costruzione e gestione del termovalorizzatore, a servizio dell’area metropolitana torinese, di cui la societa’ e’ proprietaria. L’efficacia della richiesta di rimborso anticipato volontario del suddetto project financing e’ sospensivamente condizionata alla ricezione, entro il 20 giugno 2017, di una dichiarazione da parte della banca controparte di TRM nel contratto derivato OTC-IRS (collegato al project financing ed attualmente in essere) di rinunciare sia ad esercitare qualsiasi diritto e/o facolta’ di recesso o di risoluzione del predetto contratto derivato che a domandare, sul presupposto del rimborso anticipato volontario del finanziamento, il pagamento di qualsiasi somma. La stipula del contratto definitivo del finanziamento infragruppo tra Iren  e Trm e’, ovviamente, condizionata al fatto che la richiesta di rimborso anticipato divenga efficace. Le condizioni previste per il rifinanziamento da parte di Iren  verso Trm – Trattamento Rifiuti Metropolitani sono in linea con quelle dell’attuale project financing ed e’ prevista la surrogazione di Iren  nei diritti delle banche finanziatrici del project financing. L’operazione qui delineata avrebbe effetti positivi finanziari e gestionali sulla societa’ consolidata e su quella consolidante. In particolare, Iren  ritiene che sotto il profilo finanziario le due societa’ trarrebbero benefici dall’impiego della liquidita’ della capogruppo a sostegno delle esigenze finanziarie di Trm, in sostituzione delle risorse messe a disposizione di Trm dalle banche finanziatrici, con impatti positivi sulla propria posizione finanziaria lorda e sugli oneri finanziari netti.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet