Stato di insolvenza anche per Artoni Group


REGGIO EMILIA 31 OTTOBRE 2017 Anche per Artoni group, la holding della omonima famiglia di Guastalla già leader nei trasporti, è stato dichiarato lo stato di insolvenza. È l’atto finale per un gruppo che era arrivato a superare i 200 milioni di fatturato.
***
Il 24 ottobre scorso il Tribunale di Reggio ha dichiarato lo stato di insolvenza per Artoni group, la holding della famiglia Artoni che controllava Artoni trasporti, finita in amministrazione straordinaria dal giugno scorso, e Artoni Logistica, dichiarata fallita. Commissario giudiziale di Artoni group, su indicazione del Ministero dello Sviluppo, è stato nominato il professionista milanese Franco Maurizio Lagro, già commissario straordinario della controllata.
Cala così definitivamente il sipario su un gruppo che era nato nel 1933 a Guastalla come azienda famigliare di trasporti e che era gestito da Luigi Artoni e dalla figlia Anna Maria, già presidente nazionale dei Giovani imprenditori e presidente regionale di Confindustria. Il crac ha travolto un’azienda che effettuava più di 50 milioni di spedizioni all’anno, aveva decine di centri operativi in tutta Italia e un fatturato superiore ai 200 milioni di euro. Per Artoni group si era tentata nell’aprile scorso la strada del concordato. Il tribunale di Reggio aveva dato quattro mesi di tempo per il deposito della proposta. Ma l’ipotesi concordataria era rimasta al palo e si è arrivati ora allo stato di insolvenza. I creditori sono convocati per il 18 aprile prossimo. Anche Artoni group confluirà nella procedura madre di amministrazione straordinaria riservata alle grandi imprese in dissesto e già avviata per Artoni Trasporti. Dopo la cessione di parte delle filiali alla Fercam di Bolzano, i 116 lavoratori rimasti in Artoni Trasporti hanno ottenuto da settembre un anno di cassa integrazione straordinaria.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet