IL REGGIANO MAURIZIO LANDINI SEMPE PIU’ “IN POLE” PER GUIDARE LA CGIL


RICCIONE (RIMINI), 13 DIC – Ovazione in piedi, il coro ‘Maurizio Maurizio’ e un lunghissimo applauso. Così, i delegati della Fiom – riuniti al Palacongressi di Riccione per il 27/o Congresso nazionale – hanno salutato le parole del segretario generale Francesca Re David che, nell’ultima parte della sua relazione, ha citato la candidatura di Maurizio Landini a segretario generale della Cgil avanzata dal segretario generale, Susanna Camusso, giunta alla conclusione del suo mandato.
Tra gli applausi indirizzati a Landini, ex segretario generale della Fiom seduto nella sala, Re David, dal palco ha detto che “noi condividiamo la proposta” di Camusso, “come già hanno mostrato di condividerla i delegati ai congressi che ci hanno preceduto. Naturalmente Maurizio sa che da segretario confederale troverà la Fiom che conosce, confederale nella dialettica che le è propria”.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet