Il gruppo CFT scalda i motori per la quotazione in Borsa. Importante acquisizione in Germania


parma 27 marzo 2017 Il gruppo CFT di Parma si candida a diventare un campione nazionale in un settore, le tecnologie per il food processing e il confezionamento dominato da grandi player esteri. Il piano di sviluppo che guarda alla quotazione in Borsa nell’arco di cinque anni si basa su risultati importanti, realizzati con acquisizioni e crescita organica: il fatturato consolidato del gruppo CFT è salito dai 118 milioni del 2012 ai 183 milioni del 2016 con l’ebitda a 16 milioni di euro).
Un raddoppio centrato in cinque anni. Nel 2017 il gruppo CFT punta a portare il fatturato a 220 milioni di euro, realizzati per oltre il 90% sui mercati esteri anche grazie alle acquisizioni.
A fine 2016 CFT ha rilevato il 60%, con opzione sul rimanente 40%, della Rolec Prozess und Brautechnik, azienda specializzata nei sistemi di cottura dedicati alla produzione della birra che ha sede vicino a Monaco.
E’ entrato nel gruppo un fatturato di 27 milioni con 25 dipendenti. Ora per centrare il nuovo raddoppio CFT non prevede l’ingresso di fondi ma innovative partnership da affiancare a 3 dossier per altre acquisizioni in Italia e all’estero.
CFT vuole essere un polo aggregante:
“ Si tratta in parte di altre piccole acquisizioni in Italia e all’estero spiega l’amministratore delegato Alessandro Merusi ma c’è anche un’azienda appena più piccola di noi, nella nostra area, che potrebbe diventare il partner ideale per arrivare a 500 milioni di fatturato e poter guardare nell’arco di pochi anni, diciamo cinque anni, alla quotazione in Borsa con le carte in regola. Non vedo l’ingresso di fondi in questa fase. E’ sulle partnership che ci giochiamo la capacità di rimanere in polo aggregante targato Italia”.
Il gruppo CFT (circa 400 dipendenti) ha registrato 125 brevetti e negli ultimi tre anni investito 5,2 milioni di euro in ricerca e sviluppo, mettendo a punto 180 progetti e venduto 635 macchine offre un mix di prodotti molto vasto che spazia dai grandi impianti per la lavorazione del pomodoro alle soluzioni in piena era Industry 4.0 per la selezione digitalizzata di frutta e ortaggi.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet