FICO: CARISBO APRE FILIALE CON NUOVO LAYOUT


BOLOGNA 22 NOVEMBRE 2017 Con l’apertura ufficiale di FICO è aperta anche una nuova filiale Carisbo all’interno del più grande parco agroalimentare del mondo, realizzata secondo un modello di nuova concezione di Intesa Sanpaolo che mette al centro il cliente.
La filiale bancaria, posta nello spazio centrale del complesso, sarà a disposizione degli oltre 6 milioni di visitatori annui previsti, nonché dei numerosi imprenditori e lavoratori impegnati a FICO e nel vicino CAAB-Centro Agro Alimentare di Bologna.
“La scelta di aprire un nuovo sportello bancario all’interno di FICO testimonia la volontà di Carisbo-Intesa Sanpaolo di continuare a investire in un territorio dalle grandissime potenzialità, in cui siamo storicamente attivi e punto di riferimento per l’economia locale. – commenta Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo – “Testimonia anche l’importante impegno di Intesa Sanpaolo a sostegno dell’industria agroalimentare e soprattutto delle sue numerose filiere, settore trainante dell’economia emiliano-romagnola, insieme al manifatturiero e al turismo.”
Quella all’interno di FICO è la quinta filiale realizzata in Emilia Romagna sul modello del nuovo layout recentemente introdotto da Intesa Sanpaolo che progressivamente porterà al completo rinnovo di 1.000 filiali del Gruppo. Un cambiamento del luogo fisico che va di pari passo con quello dell’approccio al cliente.
“Un nuovo modo di fare banca – spiega Nocentini – che ben si associa all’innovativo progetto di FICO. L’originale layout degli ambienti della filiale rispecchia l’atteggiamento di accoglienza che vogliamo esprimere con le nostre persone. Il nuovo modello favorirà ulteriormente le connessioni con gli attori del territorio, con i clienti e tra i clienti, che qui potranno trovare un punto d’incontro e avere uno scambio di idee e di business. La sfida è rispondere in modo nuovo anche ai bisogni più tradizionali, sviluppando per esempio le enormi opportunità rese possibili dalla rivoluzione digitale.”
La nuova filiale di FICO
Particolare cura è stata posta nella realizzazione dell’ingresso della filiale con una grande area dedicata all’accoglienza, punto di primo contatto e di orientamento, dove gli operatori, supportati anche dalle nuove tecnologie, aiutano il cliente a indirizzarsi verso i servizi desiderati, dalla consulenza specialistica fino all’uso delle casse self e gestiscono anche l’organizzazione degli appuntamenti.
Il fulcro della filiale è la “piazza”, un’area condivisa pensata per lo scambio di idee ed esperienze e per ospitare eventi e momenti d’incontro. Al centro si trova un grande tavolo di legno grezzo, tutto intorno ci sono librerie, divani e poltrone che ben rappresentano l’intento di far sentire le persone “a casa”. Vicino a questo spazio si sviluppano la cassa self assistita abilitata anche ai versamenti e ad altre operazioni di incasso e pagamento, salotti per gli incontri con i clienti, spazi di coworking. Nella realizzazione sono stati utilizzati materiali semplici, con un’attenzione particolare al loro valore ecologico.
La tecnologia è una presenza costante: l’area esterna delle casse self, accessibile h24, ospita due sportelli automatici evoluti; nei locali interni è disponibile, oltre al tablet, la connessione wi-fi.
Gli orari sono prolungati fino a sera (dalle 10 alle 20) dal lunedì al sabato.
Oltre alla nuova filiale FICO viene mantenuta lo sportello già esistente nel vicino CAAB che continuerà a servire gli operatori del Centro Agri Alimentare di Bologna.
La filiale come luogo di incontro per la comunità locale
Il nuovo modello di filiale nasce dall’ascolto dei clienti e del personale della banca. Condivisione di storie e di valori, coinvolgimento del territorio, accoglienza, flessibilità, modularità e innovazione sono le parole chiave di questa vera e propria rivoluzione degli spazi.
Fra nuovi concept e tecnologie, le filiali perdono la connotazione di “sportello” per le transazioni, per diventare sempre più un luogo “familiare”, accogliente, adatto al dialogo, all’incontro, alla comunicazione e al lavoro. Un’officina di idee, in cui la banca vive il territorio e dove è possibile dar vita a confronti ed eventi destinati alle famiglie, agli imprenditori, ai professionisti, alle start up, ai giovani e organizzare attività su temi di enogastronomia, agroindustria ed anche di carattere culturale, artistico e sociale.
Il progetto di restyling delle filiali è sinergico con l’evoluzione dei canali digitali, sempre più integrati con quelli tradizionali (sono quasi 6 milioni i clienti Intesa Sanpaolo che operano in multicanalità). Intesa Sanpaolo punta sulla qualità del servizio e della relazione umana e considera la filiale un tesoro di esperienze e di contatto con il cliente, destinandole quindi un ruolo centrale nell’offerta di consulenza per accompagnare i clienti nelle scelte più importanti. L’agenzia sarà sempre più un luogo stabile di relazione, integrato con gli altri sistemi multicanale.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet