Federlegno a E-R,puntare a nostri boschi Orsini, le aziende sono costrette a importare materia prima


modena 7 luglio 2017 L’Emilia-Romagna, come le altre regioni italiane, deve impegnarsi per favorire l’approvvigionamento della materia prima legno. E’ questa una delle principali emergenze del settore, individuate dal nuovo presidente di FederLegno Arredo, il modenese Edoardo Orsini.
L’associazione aderente a Confindustria ne ha parlato con l’assessore regionale all’agricoltura dell’Emilia-Romagna, Simona Caselli, nella tappa bolognese di un tour che sta toccando tutti i territori italiani, per conoscere le aziende nello specifico e per allacciare rapporti con le istituzioni.
“Con l’assessore Caselli abbiamo avviato un dialogo importante, che mi auguro possa coinvolgere anche lo sviluppo del bosco del nostro Appennino che, per il nostro settore, sarebbe un importante canale per approvvigionarsi di materia prima italiana. Senza contare che, un lavoro più attento da questo punto di vista, in un paese dove il 30% del territorio è fatto da bosco, potrebbe portare oltre 300mila posti di lavoro.
Senza contare che le nostre aziende sarebbero felici di poter usare legno italiano e non essere costretti a importare materia prima”.
La filiera legno-mobile in Emilia-Romagna vale 2,2 miliardi di fatturato, con 3.581 imprese che impiegano 17mila addetti.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet