DEBUTTO RECORD : + 21,67% PER LA FERRARESE B.F.


FERRARA 23 GIUGNO Debutto record nel vero senso della parola per B.F. la controllante di Bonifiche Ferraresi che esce dal listino milanese dopo l’opus lanciata proprio da B.F.
Oggi la prima giornata di quotazione della holding agricola guidata da Federico Vecchioni iniziata a 2,45 euro è finita con le azioni a 2,92 euro frutto di un aumento del 21,67% in una giornata con il FTSE MIB praticamente sempre in terreno negativo (-0,46% la chiusura).
Ricordiamo che B.F. Holding è proprietaria di una delle più grandi aziende agricole d’Europa a sua volta attiva nella coltivazione e commercializzazione di prodotti agricoli. Equita Sim ha agito come sponsor dell’operazione.
B.F . coltiva 6500 ettari tra Emilia Romagna Toscana e Sardegna (saranno 9000 nel 2019). E’ attiva dal 1871.

In BF Holding è entrato Cdp equity (la cassa depositi e prestiti) e spiccano grandi nomi: la Fondazione Cariplo con il 33% delle quote; il gruppo bionformatico del milanese Sergio Dompé è presente con il 17,9%; la Per spa, al 100% dell’ingegnere Carlo De Benedetti è presente con il 14,3%; con quote inferiori sono presenti Aurelia srl (10,7%), la Fondazione della Cassa di risparmio di Lucca (7,1%), l’Autosped (3,6%) del Gruppo Gavio, la Agritrans della famiglia piemontese dei Mondino (3,6%), la Inalca del gruppo Cremonini, colosso del settore carni (3,6%) e sempre con il 3,6% l’imprenditrice Ornella Randi Federspiel.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet