Crif Ratings: LE AZIENDE VINICOLE SONO “PERFETTE” PER LANCIARE MINIBOND


BOLOGNA 11 APRILE 2016 Paolo Bono, associate presso Crif Ratings, non ha dubbi:
LE AZIENDE VINICOLE SONO “PERFETTE” PER LANCIARE MINIBOND
“Il candidato ideale e’ il settore del Vino che per diverse ragioni
appare un segmento molto interessante per lo sviluppo di finanziamenti
alternativi al prestito bancario”, aggiunge Bono. “In questo comparto, il
tessuto imprenditoriale e’ costituito quasi esclusivamente da piccole e
medie imprese; allo stesso tempo il posizionamento di prezzo e il livello
dei margini unitari risultano positivamente correlati con l’offerta di
vini invecchiati che alimentano il valore delle rimanenze e necessitano di
una pianificazione finanziaria di medio e lungo periodo”.

Osservando le prime 15 imprese italiane per marginalita’ unitaria, per
circa l’80% di esse il peso del magazzino rispetto al fatturato e’
superiore al 50%, una circostanza che si spiega con la focalizzazione
produttiva su vini affinati che, prima di essere veicolati sul mercato,
alimentano il valore degli stock per piu’ esercizi. Rare sono invece le
aziende che pur registrando ottime marginalita’ rilevano un valore delle
rimanenze non particolarmente elevato: si tratta di imprese con una forte
notorieta’ e reputation del proprio brand aziendale sui mercati esteri,
una politica sostenibile solo dalle pochissime realta’ che possono
sostenere ingenti investimenti promozionali.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet