CRIF ENTRA AL 10% IN WORKINVOICE


bologna 21 settembre 2018 La bolognese Cribis (gruppo Crif), leader della business information , ha rilevato il 10% di Workinvoice, uno dei pionieri del fintech in Italia.
Workinvoice ha creato un meccanismo di asta competitiva arrivato a trattare una decina di milioni di euro al mese: in termini di “offerta” le aziende inseriscono nel sistema le fatture che intendono cedere per ottenere un incasso anticipato rispetto alla scadenza, dal lato della domanda i potenziali investitori osservano la “merce” in vetrina, valutano il rischio dell’operazione e chiedono un tasso di interesse congruo per anticipare gli importi.
Con la cessione del credito pro-soluto in media in 48 ore l’azienda trasforma in cassa il proprio credito, ad un valore medio che workinvoice stima pari al 98,5% del valore in fattura – spiega l’ad di Cribis Marco Preti.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet