CREMONINI: SCORDAMAGLIA, INALCA PUNTA A CRESCERE IN RUSSIA E CONSOLIDARSI IN AFRICA


MODENA 28 SETTEMBRE 2017 – “Inalca ha in corso un processo di sviluppo importante e con Cdp Equity (gruppo Cassa Depositi e Prestiti, ndr) abbiamo trovato un ottimo partner per crescere. Puntiamo in particolare alla Russia e alle ex Repubbliche sovietiche e vogliamo consolidare la nostra presenza in Africa”. Lo ha detto Luigi Scordamaglia, a.d. di Inalca, interpellato a margine del Salone Carrefour 2017. Inalca e’ una delle tre subholding operative del gruppo Cremonini che ne detiene il 71,6% mentre il 28,4% fa appunto capo a Cdp Equity. La societa’, nota in particolare per i marchi Manzotin e Montana, e’ leader in Italia e uno dei maggiori player europei nel settore delle carni bovine. In Africa e’ presente in Algeria, Angola, Costa D’Avorio, Mozambico e Repubblica Popolare del Congo
L’intero settore della produzione conta su 12 stabilimenti in Italia, 22 piattaforme distributive all’estero e 5 impianti produttivi dislocati tra Russia e Africa. Attualmente la societa’ ha filiali in Usa, Capo Verde (3 sedi), Tailandia (3 sedi), Hong Kong, Cina (2 sedi), Malesia e Messico. Nel 2016 il settore produzione del Gruppo Inalca ha realizzato ricavi totali per 1.760,7 milioni di euro, il Margine operativo lordo ha raggiunto i 119,1 milioni , mentre il Risultato operativo e’ stato pari a 66,4 milioni
Il 92% del fatturato deriva dalla produzione, trasformazione e commercializzazione delle carni bovine, l’8% dalla produzione e lavorazione di salumi & snack. Il 43% del fatturato di Inalca e’ realizzato all’estero.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet