CMC RAVENNA RIMBORSERA’ IN ANTICIPO PARTE DEL BOND DA 300 MILIONI


RAVENNA 4 AGOSTO 2016 C.M.C. di Ravenna ha ottenuto una nuova linea di credito revolving da 145 milioni di euro con scadenza nel dicembre del 2019. Bnp Paribas  e Unicredit , recita una nota, hanno agito come Mandated Lead Arranger e Bookrunner originari del contratto di finanziamento. Il processo di sindacazione si e’ concluso nei tempi prospettati ed ha visto il coinvolgimento anche di nuove banche sia internazionali che italiane. Unicredit  e’ stata nominata Facility Agent dell’operazione. inoltre in fase di contrattazione avanzata un’integrazione del contratto che portera’ la Revolving Credit Facility ad un importo complessivo di 165 milioni di euro. “Questa RCF avra’ come obiettivo principale quello di rimborsare anticipatamente la precedente linea di affidamento RCF di 100 milioni con scadenza giugno 2017, legata all’emissione del titolo obbligazionario di 300 milioni effettuata nel 2014 con scadenza nel 2021”, spiega il direttore generale della societa’ di costruzioni Roberto Macri’. “Questa nuova linea di affidamento, oltre a garantire a C.M.C. un miglior profilo di liquidita’ e bilanciamento della propria struttura di indebitamento, agevolera’ lo sviluppo del Business Plan che prevede una crescita dei volumi e un’espansione delle attivita’ estere in nuovi paesi”. C.M.C. di Ravenna, fondata nel 1901, ha un fatturato di circa 1,1 miliardi di euro, un portafoglio ordini di oltre 3,5 miliardi di euro e circa 8 mila dipendenti. Si e’ affermato in Italia e nel mondo per la realizzazione di opere nei settori dei trasporti, dell’idraulica, dell’energia, dell’edilizia, dell’ecologia e ambiente.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet