CMC: PORCELLI (D.G.), INCASSI IN ARRIVO ENTRO L’ANNO, RINNOVIAMO LINEA CREDITO


ravenna 22 ott 2018 I mancati incassi per 108 milioni di euro della cooperativa Cmc Ravenna (numero 4 in Italia tra le imprese di costruzione con 1,119 miliardi di euro di fatturato nel 2017), comunicati al mercato lunedi’ scorso e causa nei giorni scorsi del calo delle quotazioni dei bond societari sul mercato secondario, sono relativi a mancati pagamenti Anas per due opere in Sicilia (per la superstrada Agrigento-Caltanissetta), due lavori in Kenya per opere idriche (circa 60 milioni di euro di mancati incassi), un’altra opera idrica in Nepal (circa 10 milioni). Lo spiega a Radiocor Plus il direttore generale di Cmc Paolo Porcelli. Che aggiunge: ‘Avevamo preso l’impegno di comunicare al mercato entro il 15 ottobre la situazione di questi incassi ritardati, ma in realta’ nelle ultime settimane sono stati risolti o sono in via di soluzione tutti i problemi che avevano causato i mancati pagamenti. Dunque contiamo di portare a buon fine tutti gli incassi entro l’anno’. Porcelli vuole tranquillizzare il mercato anche sul fronte banche: ‘La linea di credito da 165 milioni che scade a dicembre 2019 non solo non e’ a rischio, ma stiamo gia’ lavorando insieme alle banche, proprio in questi giorni, per arrivare in tempi utili a un rinnovo anticipato, che estenda la scadenza della linea’.
A quanto si apprende, la trattativa per il rinnovo sarebbe in fase avanzata, e l’obiettivo e’ di spostare la scadenza di due-tre anni, ma la societa’ non vuole per ora fare annunci, prima che la firma con le banche sia stata effettivamente posta. Tornando al nodo degli incassi, i 108 milioni erano attesi da Cmc nel primo semestre dell’anno, e il loro ritardo aveva gia’ portato nella semestrale a un peggioramento della posizione finanziaria netta rettificata della societa’ (debiti meno disponibilita’ liquide), fino a 825 milioni di euro dai 670 milioni di fine 2017. Posizione che – spiega Cmc – e’ ad oggi sostanzialmente invariata rispetto a giugno. Porcelli (direttore generale di Cmc), spiega: ‘Stiamo lavorando insieme ad Anas per i lavori della Agrigento-Caltanissetta. Su Empedocle 1 si tratta di lavori conclusi e il raggiungimento dell’accordo sull’ultimo certificato, nonostante la piena collaborazione, ha richiesto un po’ di tempo. Nei giorni scorsi l’abbiamo firmato e quanto dovuto arrivera’ entro l’anno. Situazione simile su Empedocle 2, ma anche in questo caso il certificato e’ stato firmato, i soldi arriveranno a breve’.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet