Closing dell’Aggregazione tra il IREN e il Gruppo ACAM


REGGIO EMILIA 12 APRILE 2018 E’ arrivata al closing l’operazione di aggregazione tra IREN e il Gruppo ACAM avviata nel maggio 2017 con la presentazione dell’offerta da parte di IREN nell’ambito della procedura trasparente promossa da ACAM per l’individuazione di un operatore economico con cui attuare un‘aggregazione societaria ed industriale e proseguita il 29 dicembre 2017 con la sottoscrizione di un accordo di investimento tra IREN, ACAM S.p.A. (“ACAM”) e 31 soggetti pubblici soci di ACAM e la contestuale deliberazione da parte del Consiglio di Amministrazione della Società di un aumento di capitale a pagamento, in via scindibile, riservato ai soci di ACAM che avessero assunto l’impegno di cedere in favore della Società la propria intera partecipazione detenuta in ACAM, in esecuzione parziale della delega conferitagli ai sensi dell’art. 2443 c.c. dall’Assemblea dei soci in data 9 maggio 2016 (l’”Aumento di Capitale Riservato”).
A seguito dell’avveramento di tutte le condizioni sospensive dedotte nell’Accordo di Investimento, tra cui il necessario nulla osta da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, l’operazione di aggregazione è stata realizzata in data odierna attraverso, tra l’altro (i) l’acquisizione da parte di IREN del totale del capitale sociale di ACAM detenuto da 32 soggetti pubblici soci di ACAM, ad esclusione di n. 4 azioni, detenute dal Comune di Pontremoli, pari a 0,00014% del capitale sociale della medesima, a fronte di un corrispettivo complessivo pari a Euro 59.000.274,29 e (ii) la contestuale sottoscrizione da parte di 27 soci di ACAM di complessive n. 24.705.700 nuove azioni ordinarie di “IREN S.p.A.” nell’ambito dell’Aumento di Capitale Riservato, per un controvalore complessivo pari a Euro 52.623.141,00 (inclusivo di sovrapprezzo).
Il prezzo di sottoscrizione di ciascuna azione ordinaria “IREN S.p.A.” di nuova emissione è di Euro 2,13, di cui Euro 1,00 da imputare a capitale sociale ed Euro 1,13 a titolo di sovrapprezzo. Come anticipato, la Società ha proceduto a compensare il prezzo di sottoscrizione per le azioni di nuova emissione dovuto dai soci di ACAM sottoscrittori con il prezzo di compravendita del capitale sociale di ACAM dovuto da IREN, mentre il prezzo residuo dovuto dalla Società ai soci di ACAM venditori e non sottoscrittori, pari complessivamente a Euro 6.377.097,15, è stato corrisposto tramite pagamento in danaro.
I soci di ACAM che hanno sottoscritto l’Aumento di Capitale Riservato hanno contestualmente aderito al patto parasociale in essere fra i soggetti pubblici soci di IREN, apportando al sindacato di voto e di blocco ivi disciplinato tutte le azioni IREN di nuova emissione dagli stessi sottoscritte nell’ambito dell’aumento di capitale (fatta eccezione per un solo socio che ha assunto un distinto impegno di non trasferimento delle azioni sottoscritte). Il patto parasociale scadrà a maggio del 2019, rinnovandosi tacitamente per ulteriori due anni, salvo disdetta.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet