CARICENTO: L’ASSEMBLEA DEI SOCI APPROVA IL BILANCIO


CENTO 5 APRILE 2017 Ieri pomeriggio presso il Centro Polifunzionale “La Pandurera” di Cento, l’assemblea dei Soci ha approvato il bilancio d’esercizio della Cassa di Risparmio di Cento per l’anno 2016 che ha fatto registrare un utile pari a 1,721 milioni di euro.

Anche l’anno appena concluso ha dimostrato il buon andamento della Cassa, la quale ha costantemente migliorato i propri indicatori di solidità e garantito stabilità e sicurezza agli Azionisti, pur non chiedendo alcun aumento di capitale. L’utile netto realizzato negli anni dal 2003 al 2016 ammonta, infatti, a 94,7 milioni, dei quali 46,8 sono stati assegnati a riserve con l’obiettivo di assicurare un buon livello di patrimonializzazione.

Nonostante l’andamento altalenante ed incerto che ha caratterizzato l’economia, in particolare negli ultimi anni, la Cassa di Risparmio di Cento, sin da quando 25 anni fa si è costituita come Società per Azioni, ha sempre corrisposto un dividendo ai Suoi Azionisti. Quello proposto ed approvato oggi in Assemblea è pari a 6 centesimi ad azione.

La buona capitalizzazione di Caricento è dimostrata anche dall’incremento dell’indicatore di solidità, il Common Equity Tier 1, salito al 12,41% dall’11,80 % dell’anno 2015. Il CET 1 della Cassa è quindi sempre ben al di sopra del minimo regolamentare imposto dalla Banca Centrale Europea. Lo stato di salute della Banca non è passato inosservato, tanto che nel 2016 la clientela che ha scelto di intraprendere ex novo relazioni con l’Istituto è aumentata di 4700 unità, 600 delle quali sono imprese, il resto privati e famiglie.

“ Il Bilancio 2016 ha confermato che la Cassa è sana e che ha operato secondo criteri di sana e prudente gestione – ha dichiarato il Presidente di Caricento Carlo Alberto Roncarati – confermando di essere un affidabile punto di riferimento per la sua comunità. Ne siamo soddisfatti e ciò ci incoraggia a proseguire nel nostro disegno di sviluppo. Abbiamo progetti importanti per il futuro – ha concluso il Presidente – e siamo in procinto di realizzarli, con l’intenzione di garantire ai nostri Soci e Clienti servizi di alta qualità ed all’altezza delle loro aspettative.”

In controtendenza rispetto a quanto sta accadendo nel settore, nel 2016 la Cassa ha aperto 3 nuove filiali. Infatti, al rientro nella storica filiale di Pieve di Cento, ristrutturata dopo i danni del terremoto, sono seguite altre sedi: lo sportello leggero di Porto Garibaldi, la filiale di Faenza, la prima in provincia di Ravenna, e il Centro di Wealth Management a Ferrara, dedicato alla consulenza e alla gestione dei grandi patrimoni.

“ I risultati raggiunti ci rendono fiduciosi per il futuro. Nonostante il contesto continui a dimostrare segni di difficoltà – ha aggiunto il Direttore Generale Ivan Damiano – la stabilità acquisita ci consente di proseguire nel compimento dei passaggi previsti dal nostro piano industriale e di puntare ad un ulteriore consolidamento che sarà di certo gradito al mercato. ”

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet