BPER: LE VALUTAZIONI DI VANDELLI IN VISTA DELL’ASSEMBLEA DELL’8 APRILE


MODENA 31 MARZO 2017  In vista dell’assemblea Bper di sabato 8 aprile, chiamata a eleggere 8 consiglieri di amministrazione, ‘la sorpresa se volete e’ stata che noi ci aspettavamo una lista di Assogestioni che non andasse a coprire tutto il 40% dei consiglieri a disposizione (per le minoranze, ndr), ma un po’ di meno’. Lo ha dichiarato l’a.d. di Bper, Alessandro Vandelli, ricordando che quella dell’8 aprile, la prima assemblea da Spa, sara’ l’ultima a eleggere solo una parte del consiglio dato che dal prossimo anno si partira’ col rinnovo completo ogni tre anni. Assogestioni ha presentato una lista di tre candidati, numero massimo che sara’ riservato alle minoranze anche dal prossimo anno, quando il cda di Bper avra’ 15 componenti e sara’ eletto integralmente, pari tuttavia al 40% dei posti a disposizione quest’anno. ‘E’ una loro scelta che ovviamente rispettiamo, pero’ diciamo che in un’ottica di equilibrio era piu’ logico forse un numero leggermente diverso. Comunque questo e’ quanto e vedremo in assemblea – ha proseguito – ci aspettiamo una buona partecipazione in termini di capitale e speriamo anche di persone, speriamo ci sia un’assemblea ben partecipata da tutti’. In merito alla possibilita’ che, come successo ad esempio in Ubi Banca, la lista dei fondi ottenga piu’ voti della lista di maggioranza per il board, Vandelli ha notato: ‘Dobbiamo prenderlo in considerazione perche’ l’esperienza vista in altre assemblee ha dimostrato che spesso i fondi hanno la prevalenza nell’ambito dell’assemblea. Io la considero una competizione che stimola anche l’impegno a cercare di fare nel miglior modo possibile – ha aggiunto – Francamente non siamo preoccupati, il tema e’ di riuscire a lavorare bene nella prima assemblea da Spa’, ha concluso.
-Su Carife “stiamo gia’ lavorando, a breve partira’ la parte piu’ amministrativa e burocratica che riguarda le istanze presentate a Bce, c’e’ anche una parte antitrust da sviluppare, e poi il rapporto di Bruxelles. Ci auguriamo che si possa fare presto e bene perche’ prima si fa prima si riesce a intervenire sulla banca e si riesce a rimettere in moto l’attivita’ di relazione con la clientela” commenta l’a.d. di Bper , che ha rilevato la Cassa di Risparmio di Ferrara, rispondendo, a margine di un convegno, a chi gli chiedeva degli sviluppi sul processo di acquisizione.
– Con Unipol  “stiamo lavorando soprattutto sulla partnership assicurativa, abbiamo un rapporto consolidato da molti anni in Arca”, ma “non ci sono altre cose in agenda in questo momento” ha concluso Alessandro Vandelli.BPER non è interessata a Unipol  Banca, ma Vandelli precisa: “Stiamo lavorando al piano industriale e nell’ambito assicurativo ci sono grossi spazi da cogliere quindi la partnership con Unipol  e’ essenziale”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet