Bper: la prima assemblea da spa, presente 40% del capitale ma vince la Lista 1


MODENA 8 APRILE 2017 Si votava per la prima volta con i criteri della spa e non più della cooperativa per approvare il bilancio 2016 e nominare 8 consiglieri del cda (15 membri). Alla fiera di Modena stamattina per l’assemblea dei soci di Bper Banca era presente “quasi il 40% del capitale” e come ha detto in apertura l’amministratore delegato, Alessandro Vandelli: “E’ un segno estremamente significativo e importante”. Ad inizio assemblea si contavano 124.536.440 azioni presenti o rappresentati per delega.
Con il 97,79% dei voti l’assemblea dei soci di Bper ha approvato il bilancio 2016 che vede la crescita della redditività ordinaria con un utile netto di esercizio pari a 71,5 milioni di euro (erano 62,1 milioni nel 2015). Hanno votato contro il bilancio presentato dal management lo 0,53%, si è astenuto lo 0,58%, non ha votato l’1,08% degli aventi diritto. In assemblea alla fiera di Modena era rappresentato il 40,25% del capitale Bper.
L’assemblea dei soci di Bper Banca ha eletto 8 dei 15 membri del consiglio di amministrazione. Con oltre il 70% dei voti è passata la lista 1 di maggioranza, quella espressa dalla direzione del gruppo modenese. La lista di minoranza, sostenuta dai fondi, ha ottenuto circa il 29% dei voti e porta in cda un proprio rappresentante. Il totale dei voti espressi in assemblea, convocata tra l’altro per approvare il bilancio 2016, è stato pari a 193.461.081; per la lista di maggioranza hanno votato 137.254.803 azioni pari al 70,94% (che rappresenta il 28,52% dell’intero capitale della banca); per la lista di minoranza hanno votato 56.025.746 azioni pari al 28,95% (che rappresenta l’11,64% dell’intero capitale della banca). Risultano eletti in cda: Luigi Odorici, Mara Bernardini, Pietro Ferrari, Roberto Alfonso Galante (Unipol), Costanzo Jannotti Pecci, Alberto Marri e Valeria Venturelli per la lista 1; mentre per la lista 2 è stata eletta Roberta Marracino. Una “tappa intermedia”, come l’ha definita Vandelli, che ha consentito l’ingresso in cda di Roberta Marracino, esponente della lista di minoranza dei fondi di investimento. “Massima apertura ai fondi” che hanno il 40% del capitale di Bper Banca e che il prossimo, se avranno propri rappresentanti nel consiglio di amministrazione potranno decidere se presentare una propria lista. L’attuale board della banca modenese ha deciso di presentare una propria lista per “dare un segnale di continuità in un mondo che cambia” ha detto il presidente di Bper Banca, Luigi Odorici, nel corso dell’assemblea.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet