BF HOLDING IN BORSA DOPO IL DELISTING DI BONIFICHE FERRARESI E LìINGRESSO DI CDP EQUITY


FERRARA 15 FEBBRAIO 2017 Cassa Depositi e Prestiti (attraverso Cdp Equity) entra nel capitale di Bonifiche Ferraresi , la maggiore società agricola europea per superficie utilizzata (6500 ettari) con una quota del 20%.
Lo storico titolo di Piazza Affari ha visto un cambio di assetto societario nel 2014 con l’entrata in scena di BF Holding, un gruppo importante di investitori italiani, dalla Fondazione Cariplo al gruppo di Sergio Dompé, dalla Per Spa di Carlo De Benedetti fino all’Autosped del gruppo Gavio e all’Inalca di Cremonini. Questi ultimi avevano rilevato le quote in mano a Bankitalia. Oggi la holding, secondo i dati Consob, detiene il 78,124% delle quote di BF.
Lo scopo è il delisting del titolo Bonifiche Ferraresi  da Piazza Affari e la sua sostituzione con la holding (BF Holding) dopo un aumento di capitale da 60 milioni di euro (di cui 10 milioni in opzione agli attuali soci) e l’emissione da parte di BF di un prestito obbligazionario convertendo in favore di Cdp Equity. Quest’ultima apporterà a BF Holding 50 milioni di euro e riceverà 50 mila obbligazioni che potranno essere convertite in nuove azioni della società che si andrà a quotare, pari al 20% del capitale di quest’ultima.
Nello specifico: “Le intese contemplano un aumento di capitale in opzione agli attuali soci di 10 milioni di euro al prezzo unitario di 2,4 euro, l’emissione da parte di BF Holding di un prestito obbligazionario riservato a Cdp Equity dell’ammontare di 50 milioni di euro, convertendo/exchangeable in 20.833.333 nuove azioni di BF Holding al prezzo unitario di 2,4 euro, un’offerta pubblica di acquisto e scambio volontaria di BF Holding sulla totalità delle azioni ordinarie di Bonifiche Ferraresi  e la revoca dalla quotazione delle azioni di Bonifiche Ferraresi “.
Dopo questi passi, BF Holding dovrà promuovere un’offerta pubblica di acquisto e scambio (opas) sulla totalità delle azioni Bonifiche Ferraresi . Se l’operazione raggiungerà oltre il 90% delle quote, avrà successo e allora il titolo BF verrà delistato e sarà nel contempo collocata in borsa la holding. “Il corrispettivo dell’opas è pari a 10 nuove azioni di BF Holding e 1,05 euro a fronte di ciascuna azione di Bonifiche Ferraresi  conferita ed è stato fissato in funzione del prezzo di conversione, sulla scorta di una valutazione di BF Holding che esprime un premio implicito di circa il 36% rrispetto al prezzo medio ponderato di mercato delle azioni Bonifiche Ferraresi  degli ultimi sei mesi”, riporta il comunicato. BF ha precisato che non è prevista alcuna distristribuzione di dividendi con riferimento al bilancio 2016.
Fra l’altro Bonifiche Ferraresi  ha reso noto un paio di giorni fa di aver concluso l’acquisizione della Società Bonifiche Sarde, in liquidazione da circa un decennio, per un controvalore di 10 milioni di euro.
Bonifiche Ferraresi pubblicherà i dati di bilancio il 27 febbraio.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet