Banche italiane oltre i requisiti Bce: benissimo BPER (anche in Borsa)


modena 12 feb 2019
Le più importanti banche emiliano romagnole e in generale quelle italiane hanno un buon margine di capitale rispetto ai requisiti individuali che la Bce ha richiesto nelle procedure Srep, validi a partire da marzo 2019. È quanto emerso dai comunicati che gli istituti hanno pubblicato in base alle lettere arrivate da Francoforte. Se si guarda al capitale di migliore qualità (common equity tier 1, su base transitoria), BPER ha ricevuto un requisito del 9% (14,3%).
Le grandi banche sono quelle con il più basso rapporto tra crediti deteriorati lordi e prestiti Bper è al 13,8%
IERI in Borsa BPER ha segnato un ottimo +4,15% (3,416 euro per azione) quindi continua il rally che fa seguito allo scatto di quasi il 9% registrato lo scorso venerdì.
. L’andamento continua ad essere sostenuto dall’annuncio di due operazioni straordinarie, l’acquisizione del 100% di Unipol Banca e del 49% di Banco di Sardegna. I principali impatti finanziari combinati delle due operazioni prevedono l’aumento dell’utile per azione 2021 di Bper pari al +33 per cento. La performance beneficia anche dei risultati trimestrali nettamente migliori delle attese (43,8 milioni di utile netto a fronte del leggero rosso di 32,3 milioni atteso dagli analisti).

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet