Fitopatie actinidia, contributi regionali


La Regione Emilia Romagna ha pubblicato le misure di intervento a favore delle piccole e medie imprese del settore agricolo per la prevenzione e l’eradicazione di fitopatie ed infestazioni parassitarie, nell’ambito del Programma di intervento contributivo riferito alle estirpazioni di appezzamenti di piante di actinidia nel periodo 01-08-2013 – 31-07-2014. Possono accedere ai contributi le Piccole e Medie Imprese singole o associate del settore agricolo primario che abbiano effettuato estirpazioni di appezzamenti di piante di actinidia colpite da batteriosi dell’actinidia accertate dagli Ispettori fitosanitari con verbali datati nel periodo compreso tra il 1° agosto 2013 ed il 31 luglio 2014. Le Imprese richiedenti devono essere iscritte all’Anagrafe delle aziende agricole della Regione Emilia-Romagna, con fascicolo aziendale debitamente validato, iscritte alla C.C.I.A.A., possedere partita IVA, essere in regola con i versamenti contributivi, previdenziali e assistenzial, non aver ottenuto o chiesto altri contributi pubblici per l’estirpo delle piante di cui al presente programma. Il contributo è concesso a parziale copertura della perdita subita, commisurata al valore di mercato delle piante distrutte prima dell’insorgere dell’organismo nocivo e alla conseguente diminuzione di reddito detratti tutti i costi non direttamente collegati agli organismi nocivi ai vegetali che sarebbero stati comunque sostenuti dal beneficiario. Le domande entro e non oltre le ore 12.00 del 12 settembre 2014. Per informazioni e approfondimenti ci si può rivolgere agli uffici della Cia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet