Fisco, sanabili 8500 vertenze aperte in ER


BOLOGNA, 20 OTT. 2011 – Grazie a una novità contenuta nel Decreto Legge 98/2011, la recente manovra correttiva, i contribuenti che hanno un conto in sospeso con il Fisco possono chiudere la propria vertenza con un pagamento agevolato. L’agevolazione riguarda anche le oltre 8.500 liti fiscali di valore fino a 20 mila euro, ancora pendenti in Emilia-Romagna. Possono essere chiuse le liti pendenti alle Commissioni tributarie o la Corte di Cassazione l’1 maggio scorso. Non beneficiano invece di questa opportunità le liti relative al rifiuto espresso o tacito di restituire i tributi, quelle sull’omesso versamento dei tributi e quelle collegate a precedenti condoni. Delle 8.500 aperte in regione e interessate dalla nuova norma, spiega l’Agenzia delle entrate, il 20% si concentra nella provincia di Bologna; seguono Modena e Parma, entrambe con un 14% di liti sanabili. A Ferrara e Ravenna la quota di contenziosi pendenti si attesta sull’11%; chiudono Reggio Emilia, Rimini, Piacenza (8%) e Forlì-Cesena (4%). L’importo da versare dipende dal valore della lite e dalle pronunce emesse. Se il valore non supera i duemila euro, la somma da pagare è di 150 euro. Se, invece, il valore della controversia supera la soglia dei duemila euro, la somma da destinare al Fisco è pari al 10% del valore della lite quando la sentenza provvisoria è favorevole al contribuente, al 30% se l’organo giurisdizionale di primo grado non si è ancora pronunciato, al 50% se l’esito provvisorio è favorevole all’Agenzia delle Entrate. Nel caso in cui il contribuente abbia versato, in pendenza di giudizio, somme pari o superiori all’importo dovuto, non dovrà fare alcun versamento ma presentare la domanda di definizione. Il contribuente che decide di aderire alla chiusura agevolata deve prima versare l’importo dovuto (entro il 30 novembre), poi presentare la domanda di definizione della lite (entro il 2 aprile) utilizzando il modulo disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) o nei 24 Uffici territoriali in regione. Per ulteriori informazioni o chiarimenti è possibile contattare il call-center dell’Agenzia delle Entrate (848 800 444) oppure rivolgersi a un Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna. La lista degli Uffici è consultabile sul sito http://emiliaromagna.agenziaentrate.it.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet