Fiom. “A Roma per chiedere chiarezza alla Fiat”


©Trc-TelemodenaMODENA, 19 OTT. 2011 – Dopo l’uscita di Fiat da Confindustria, Fiom torna all’attacco di Marchionne, senza il sostegno degli altri sindacati dei metalmeccanici. “Con oltre 5.000 lavoratori impiegati direttamente nei cinque stabilimenti Fiat della provincia modenese e 30.000 metalmeccanici, dobbiamo far sentire la nostra voce”. Sono queste le parole di Giordano Fiorani, segretario generale Fiom Cgil che venerdì prenderà parte alla manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori del gruppo Fiat, contro la disdetta del contratto nazionale e l’estensione del “metodo Pomigliano”. Intanto però continuano gli scioperi alla Ferrari, e anche su questo tema si  rompe il fronte sindacale. Uil dice stop agli scioperi e  invita a trattare, raccogliendo l’invito della proprietà che nei giorni scorsi ha sottolineato la disponibilità a raggiungere un intesa sull’integrativo aziendale una volta definito il nuovo contratto nazionale di rifermento per l’intero gruppo Fiat.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet