Fini, una crescita in controtendenza


Fini, l’azienda di Modena specializzata da oltre cento anni nella produzione di pasta fresca ripiena, registra aumenti sia a volume che a valore. Un dato in controtendenza rispetto al settore. Infatti il comparto pasta fresca ripiena, che rappresenta il 42% del mercato della pasta fresca confezionata, dopo aver segnato dal 2008 al 2012 una crescita media del 4,3% a valore e dello 0,6% a volume, ha iniziato a registrare una contrazione reale dei consumi a partire da esattamente un anno fa. L’esito sta portando a una chiusura negativa del 2013 di quasi il -6% a volume. Ma mentre i principali competitor perdono progressivamente quota, secondo ACNielsen Italia Fini registra a settembre un aumento di quota di quasi un punto, sia a volume che a valore, sostenuto da un allargamento distributivo.

“Fini riesce a crescere in termini di quota – spiega Amanda Torchio, Responsabile Marketing Gruppo Fini – grazie alle maggiori rotazioni di prodotto sullo scaffale, che derivano in parte dal maggior acquisto dei nostri fedeli consumatori, in parte dall’ampliamento delle famiglie acquirenti, che abbiamo conquistato principalmente con la linea La Selezione. Siamo molto soddisfatti – continua Amanda Torchio – perché in quest’anno di incertezza e di forti tagli di prezzo, la fedeltà dei nostri clienti è la migliore conferma che offriamo al consumatore, attraverso i prodotti Fini, un’esperienza autentica e unica. L’allargamento inoltre dei nuclei famigliari che sempre più spesso ci scelgono è una garanzia che la nostra strategia d’investimento in innovazione ed elevata qualità, dalla cura nella preparazione dei nostri prodotti, alla scelta delle materie prime naturali e genuine, alla lavorazione, è assolutamente vincente”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet