Fine della protesta, i clochard via da piazza Maggiore


BOLOGNA, 6 APR. 2011 – La protesta dei clochard abbandona piazza Maggiore. Alle 7 di stamattina i senza fissa dimora che ormai da cinque notti occupavano con coperte, cartoni e sacchi a pelo lo spazio vicino alla parete di Palazzo D’Accursio, per manifestare contro la chiusura di alcuni dormitori, hanno portato via armi e bagagli, decidendo di porre fine alla loro azione simbolica. "Hanno apprezzato le offerte del Comune. Ieri sera si sono riuniti in assemblea – ha spiegato Alessandro Tortelli, dell’associazione Piazza Grande – e hanno accettato all’unanimità di andarsene". L’amministrazione, dopo un incontro con i clochard, aveva infatti proposto loro di mettere a disposizione da lunedì trenta nuovi posti letto in una struttura in via Lombardia, in cambio della piazza libera. Ora, al posto dei giacigli, sono stati montati ponteggi per la manutenzione del palazzo comunale. In attesa di tornare in dormitorio, la comunità dei "senza tetto resistenti" ha deciso comunque di continuare a dormire insieme. "Questa non è una cosa usuale per dei senza fissa dimora", ha detto Tortelli, che nei giorni scorsi ha seguito da vicino la vicenda. L’appuntamento, per ora, è in piazza dei Martiri.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet