Finalmente domenica a teatro


REGGIO EMILIA, 27 NOV 2009 – Domenica mattina al teatro Valli di Reggio Emilia. Una colazione tra chiacchiere e vista (più o meno) sulla città; e poi incontri tra letteratura, teatro, musica e arte; infine le golosità delle entrée europee, tra tapas spagnole, vini francesi, passando per le merende di casa nostra, affidate alle mani esperte di Becco d’Oca. Si chiama “Finalmente domenica” l’iniziativa organizzata da Fondazione I Teatri con Soroptimist Club nei giorni del 29 novembre, 6 e 13 dicembre, tre domeniche mattina di appuntamenti tra cultura e gastronomia.Si inizia il 29 novembre: al Valli, dalle 10 alle 11, servizio di caffetteria (a pagamento); poi, alle 11, a ingresso libero fino ad esaurimento dei 260 posti, della Sala degli Specchi Lella Costa, attrice, dialoga con lo scrittore e giornalista Piergiorgio Paterlini a proposito del libro “La sindrome di Gertrude. Quasi un’autobiografia”, scritta dalla stessa Costa con Andrea Casoli. E dalle ore 12 alle 14, degustazione di prodotti tipici e champagne (euro 10).Il programma procederà in questo modo anche nei giorni di domenica 6 e 13 dicembre: prima la caffetteria, poi la degustazione e, al centro, le iniziative culturali. Il 6 dicembre (ingresso libero) sarà la volta di “I paesaggi e le vedute”, con Elisabetta Farioli, dei Musei Civici che presenterà la mostra, allestita nelle adiacenti Sala Ottagonale e in Sala Rossa, delle vedute e dei paesaggi dipinte da Giovanni Antonio Paglia per il Ridotto del settecentesco Teatro di Cittadella, andato distrutto in un incendio. Il rogo risparmiò quei dipinti, ora custoditi nei Musei, e che, in questa occasione, tornano ad adornare un luogo teatrale.Altro appuntamento il 13 dicembre: si mantiene l’impianto gastronomico della caffetteria prima e delle degustazione poi, ma dalle ore 10 viene proiettato in anteprima il documentario di Francesco Barilli sulla “Vita di Giovannino Guareschi”, mentre alle 11 (ingresso libero) ci sarà una suggestiva lettura con musica della “Favola di Natale”. Una favola speciale, scritta da Giovannino Guareschi mentre si trovava in campo di prigionia e “messa in scena” dallo stesso Guareschi, la notte di Natale, per i suoi compagni di prigionia. Guido Conti, scrittore ed editore racconterà questa parte forse non del tutto conosciuta della vita di Guareschi, mentre Luca Cattani di Mamimò leggerà la favola, accompagnato dalla fisarmonica di Mirko Ferrarini.Nelle stesse domeniche, dalle 10 alle 13, sarà aperta la Biblioteca Mediateca dei Teatri con bookshop delle edizioni del Teatro.Per gli appuntamenti alla Sala degli Specchi è consigliata la prenotazione 0522-458950, mail arch-bib@iteatri.re.it; uffstampa@iteatri.re.it

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet