Fico compie un anno


Era il 15 novembre del 2017 quando Fico Eataly World, il parco dell’agroalimentare più grande del mondo, ha aperto le porte a Bologna, ricevendo simbolicamente il testimone dall’Expo di Milano per rappresentare il cibo italiano, dal campo alla forchetta, nel mondo. E il mondo ha risposto in questi 365 giorni di vita e per il compleanno celebrato al Teatro arena, nel cuore di Fico, dove a rappresentare Cina e Stati Uniti c’erano l’ambasciatore d’Italia a Pechino Ettore Francesco Sequi e per gli Stati Uniti. Phil Kafarakis e Daniel Dowe presidente e chairman di Fancy Food New York. Due mete che Fico ha già raggiunto, e proprio in Cina potrebbe nascere un parco simile a quello di Bologna, vicino a Nanchino, i contatti sono già stati avviati, “nessuna firma, ci stiamo lavorando” ha spiegato l’amministratore delegato di Fico Tiziana Primori,In collegamento da Roma, il direttore generale della promozione Sistema Paese Vincenzo De Luca che ha dato il via alla Settimana della Dieta Mediterranea, della quale Fico è da sempre ambasciatore. Oltre ai numeri e agli obiettivi raggiunti, tante le novità per il prossimo anno, come ha sottolineato l’amministratore delegato Tiziana Primori. 2,8 milioni di presenze, il 70% delle quali da fuori Bologna e un fatturato complessivo di 50 milioni, in linea con il business plan. Un ecosistema economico ecosostenibile lo ha definto il presiodente di Fondazione Fico, Andrea Segrè, che accende i riflettori sull’alta formazione che in questi 12 mesi è stata a disposizione di tutti e che amplierà la propria offerta nel 2019

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet