Fiat, stop a Grugliascoper la crisi Selmat


TORINO, 13 MAG. 2013 – Secondo giorno di sospensione della produzione per l’impianto di Officine Maserati a Grugliasco, quello in cui vengono assemblate la Quattroporte e la Ghibli. Un blocco forzato, partito venerdì e che si è ripetuto oggi a causa delle mancate consegne da parte di Selmat, l’azienda che fornisce i componenti in plastica degli interni. I suoi dipendenti sono in cassa integrazione, e questa situazione di difficoltà si sta ripercuotendo sulla Fiat, fermando le linee anche nello stabilimento di Fiat Automobiles in Serbia e in quello Iveco di Madrid. "Altri stabilimenti corrono il rischio di bloccare l’attività nei prossimi giorni – avverte in una nota il gruppo torinese – Il tutto sta creando gravissimi danni al Gruppo Fiat e agli altri fornitori, che stanno regolarmente consegnando il proprio materiale. Sono alcune migliaia le persone che venerdì scorso ed oggi non hanno potuto essere al loro posto di lavoro. Continua quindi una situazione di grave difficoltà che si trascina ormai da tempo ed il cui protrarsi non può non destare preoccupazione per le prospettive dei rapporti tra Fiat ed il fornitore e per le inevitabili ricadute occupazionali. Già nelle scorse settimane diversi stabilimenti Fiat avevano dovuto interrompere la produzione in conseguenza delle mancate consegne da parte di Selmat".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet