Ferrari: utile netto +38% nel 2016, cedola 0,635 euro


Ferrari chiude il 2016 con risultati record: l’utile netto è pari a 400 milioni, il 38% in più del
2015, mentre l’utile netto adjusted è in aumento del 37,1% a 425 milioni di euro. Sarà proposta la distribuzione di 120 milioni di euro di dividendi, 0,635 euro per azione ordinaria. La Ferrari ha realizzato nel 2016 ricavi netti pari a 3,1 miliardi di euro, in crescita dell’8,8% (+9,4% a cambi costanti). Le consegne totali hanno raggiunto le 8.014 unità, con un aumento di 350 unità (+4,6%). Tutte le regioni hanno fornito un contributo positivo. All’interno dell’area Emea, che ha registrato un’espansione dell’8%, Italia, Germania e Francia sono cresciute a doppia cifra. Il titolo Ferrari, che ha annunciato un 2016 record, viene sospeso brevemente in asta di volatilità
alla Borsa di Milano e poi rientra guadagnando il 4,5 per cento. La Ferrari ha chiuso il 2016 con un indebitamento industriale netto in calo a 653 milioni di euro a fronte dei 797 milioni di fine 2015. “Tale riduzione – spiega la società – va ricondotta principalmente alla generazione di free
cash flow industriale, controbilanciata in parte dalla distribuzione ai possessori di azioni ordinarie e dai dividendi corrisposti alle partecipazioni di minoranza”. Per il 2017 il gruppo Ferrari stima, ipotizzando cambi in linea con le attuali condizioni di mercato, 8.400 consegne incluse le supercar, ricavi netti oltre 3,3 miliardi, ebitda adjusted oltre 950 milioni di euro,
indebitamento industriale netto pari a 500 milioni, inclusa una distribuzione ai possessori di azioni ordinarie ed esclusi potenziali riacquisti di azioni. L’ebitda adjusted nel 2016 è pari a
880 milioni di euro, con un margine che si colloca attualmente al 28,3% (30% al netto delle coperture valutarie). Nel 2016 l’ebit adjusted si è attestato a 632 milioni di euro, in aumento di 159 milioni (+34%) rispetto all’esercizio precedente, “una performance – spiega la società – che va ricondotta all’incremento dei volumi (69 milioni) sostenuti dalla famiglia 488, dalla F12 tdf e dal recente lancio sul mercato della GTC4 Lusso, insieme al contributo positivo del nostro programma di personalizzazioni. La regione Asia Pacifico (Apac) è cresciuta del 3%, le Americhe hanno evidenziato un aumento del 2%, mentre le consegne nell’area Greater China sono aumentate solo del +1% per la decisione di Ferrari di concludere la collaborazione con l’attuale distributore di Hong Kong nel quarto trimestre 2016. Sulla crescita dei ricavi hanno inciso l’aumento dei volumi della 488 Gtb, della 488 Spider, della F12tdf, dei modelli recentemente lanciati GTC4Lusso e LaFerrari Aperta, della FXX K non omologata, del modello in edizione limitatissima F60 America, il maggior contributo del programma di personalizzazioni e l’aumento dei prezzi dal quarto trimestre 2016. Questo risultato è stato in parte compensato dal completamento del ciclo di vita de LaFerrari. I ricavi da Motori (338 milioni, +55%) hanno evidenziato un considerevole incremento “riconducibile principalmente alle forti vendite a Maserati e all’aumento dei ricavi generati dalla fornitura ad altri team di Formula 1”. In rialzo anche i ricavi da Sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio (488 milioni, +11%) grazie soprattutto al miglior posizionamento nelle classifiche del Campionato 2015 rispetto al 2014, all’aumento dei ricavi derivanti dalle sponsorizzazioni e al contributo positivo delle attività legate al marchio.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet