Ferrari, niente Suv. Annunciato il Purosangue


“Per me è impossibile avvicinare la parola suv a Ferrari. Non voglio offendere nessuno ma la parola suv non va bene. Lo chiameremo Purosangue, sarà senza dubbio un Ferrari con performance mia vista e lo lanceremo alla fine del piano nel 2022”. Così Louis Camilleri, ad di Ferrari, durante il Capital Markets Day dove la Ferrari ha svelato i due modelli Monza SP1 e SP2, primi di una serie speciale limitata denominata ‘Icona’. Le due vetture – una monoposto è una biposto – sono state presentate a Maranello. Saranno prodotte in meno di 500 esemplari complessivamente. Il prezzo sarà svelato al Salone dell’Auto di Parigi all’inizio di ottobre. I due modelli riprendono il tema delle barchette da competizione, che hanno contribuito negli anni ’50 a creare parte della leggenda Ferrari grazie ai tanti trionfi nel Campionato Mondiale Sport. Dotate del motore più potente mai uscito dai cancelli di Maranello per una Ferrari stradale – un V12 con 810 CV – raggiungono i 100 km/h in 2.9 secondi e i 200 km/h in 7.9 secondi. Camilleri ha anche assicurato che “entro la fine del piano stimiamo che circa il 60% delle nostre vetture sarà ibrido. Il primo modello ibrido lo vedrete presto. Entro il 2020 circa il 60% delle nostre consegne riguarderà motori ibridi. L’ibrido costa di più ma ci dà l’opportunità di aumentare il prezzo. l’ibridizzazione non diluirà i margini, anzi”. La Ferrari lancerà quindici nuovi modelli tra il 2019 e il 2022 nei diversi segmenti. Lo ha detto Enrico Galliera, direttore commerciale marketing di Ferrari.

“Ferrari costruirà un futuro all’altezza del suo passato. Sergio Marchionne ha rivestito un ruolo fondamentale nel rendere possibile questo futuro E di questo gli saremo sempre grati”, Lo ha detto John Elkann, presidente della casa di Maranello, che ha aperto con un ricordo dell’ex presidente e ceo il Capital Markets Day. “Tutti coloro che conoscevano Sergio serbano nel cuore un ricordo speciale. Saprete certamente quanto amasse Ferrari. La sua intenzione era di dedicare sempre più tempo qui nei prossimi anni, dopo il suo ritiro programmato da Fca”, ha sottolineato Elkann. “Louis Camilleri comprende lo spirito Ferrari meglio di chiunque altro. È una fortuna averlo perché in sé coniuga una carriera di spicco a capo di alcune delle società quotate in borsa di maggior successo al mondo insieme a un’approfondita conoscenza e una vera passione per Ferrari”. Ha aggiunto John Elkann. “Enzo Ferrari gareggiò di persona in varie competizioni, anche riportando vittorie, nei primi anni del XX secolo. Nella sua vita straordinaria una cosa era fondamentale: vincere, e vincere con stile. E siamo determinati che questo continui anche in futuro”. Ha sottolineato poi John Elkann.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet