Ferrari, 2 miliardi di investimenti in 5 anni


10 SET. 2013 – "Nel prossimo quinquennio la Ferrari investirà 2.000 milioni di euro sul prodotto. Negli ultimi 5 anni ne ha investiti 1.400 milioni. Queste cifre non comprendono gli investimenti in Formula Uno, i cui risultati tecnologici e il know-how sono però trasferiti nei modelli stradali, come è ampiamente accaduto anche per la nuova vettura presentata oggi". E’ ricordando queste cifre che il presidente Luca di Montezemolo ha aperto il suo intervento al salone dell’auto di Francoforte per presentare l’anteprima mondiale della nuova Ferrari 458 Speciale, una sportiva essenziale che affianca le versioni coupé e Spider della pluripremiata 458. Allo stand la casa di Maranello si presenta quest’anno con la gamma più completa della sua storia. "Concreto risultato – ha detto Montezemolo – dei costanti investimenti sul prodotto"."Il fatto di mantenere invariata la produzione della Ferrari – ha aggiunto il numero uno del Cavallino – comporterà un aumento delle liste d’attesa, il che potrebbe andare a vantaggio dei nostri concorrenti ma valorizzerà ancora di più il marchio". Montezemolo ha definito ‘clamoroso’ il successo della Ferrari negli Usa ("ci vorrebbero molte più di 2.000 auto", ha detto). Vanno bene anche il Giappone, Hong Kong e gli Emirati e, in Europa, la Germania con Svezia, Danimarca e Finlandia. A fine anno la Ferrari aprirà uno showroom a Casablanca e poi a Baku, in Azerbaijan. "Poi ho detto basta perché per andare alle richieste si rischia di iniettare un numero di vetture che non avrebbe più l’esclusività. Quello che mi sta a cuore è la forza del marchio, il valore di Ferrari deve restare altissimo". Montezemolo ha anche precisato che la gestione sportiva inciderà sul bilancio 2014 a causa dello sviluppo del nuovo motore per la Formula 1. A Francoforte Ferrari presenta la 458 Speciale, versione sportiva che affianca le versioni Coupè e Spider della 458 e che costa 238.000 euro, il 16% in più rispetto alla 458.E in conclusione arriva anche una stoccata per il nostro Paese. "La politica italiana soffre di un grave masochismo. Ci fa piacere farci del male – ha affermato Luca Cordero di Montezemolo nell’incontro con i giornalisti – ”Non vedo ancora mettere mano ad alcun provvedimento. Nel frattempo potremmo arrivare a un calo del 50% di vendite di Ferrari in Italia, con conseguenze sull’indotto, sui ricambisti".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet