Ferrara, in aula il video del pestaggio in caserma


FERRARA, 12 MAG. 2010 – Un filmato che lascia aperte diverse interpretazioni. E’ la registrazione sulla quale ruota il processo a carico di quattro giovani extracomunitari denunciati a Ferrara per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale ma che a loro volta sostengono di essere stati aggrediti dai carabinieri all’interno della caserma di via del Campo. Il video delle presunte violenze, catturato dalle telecamere della caserma, è finito ieri per la prima volta in aula dopo essere stato pubblicato su internet e mostrato in televisione.Il processo, con rito abbreviato, si è svolto a porte chiuse. E’ stato il legale di tre dei quattro ragazzi, Barbara Simoni, a chiedere l’udienza al riparo dal pubblico. Arrestati a Ferrara la sera del 24 febbraio, il processo al gruppo di amici, due equadoriani, un nigeriano e un albanese, si è svolto per direttissima. Il procedimento a un certo punto ha visto affiancarsi un secondo fascicolo: una denuncia da parte dei quattro stranieri che si sono ritenuti vittime di un pestaggio da parte dei carabinieri di Ferrara.A mostrare una parte di quanto accaduto quella notte in via del Campo c’è il video in bassa fedeltà delle telecamere della caserma le cui immagini sono state proiettate in aula acquisite come materiale probatorio. Lo stesso filmato era stato diffuso qualche giorno fa dall’associazione "A buon diritto" di Luigi Manconi e dalla televisione, messo in onda dal tg 3 della sera."Dalle immagini si vede nettamente che non c’è stata nessuna aggressione da parte dei carabinieri", ha sostenuto uscendo dall’aula l’avvocato Alberto Bova, legale dei carabinieri. "Mi pare – ha tenuto a far sapere – che l’esito sia abbastanza scontato".Barbara Simoni, legale a difesa dei ragazzi, ha invece sottolineato che "non sappiamo se il materiale acquisito sia a nostro favore o no". Per far chiarezza sull’episodio bisogna aspettare l’8 giugno, data alla quale è stato rinviato il procedimento.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet