“Fermiamo la fuga dai frutteti”


BOLOGNA, 22 LUG. 2011 – Negli ultimi dieci anni in Emilia Romagna hanno cessato l’attività 16.000 aziende ortofrutticole, 1.600 all’anno. E’ quanto risulta dalle anticipazioni dei primi dati del censimento agricoltura dell’Istat, che confermano – spiega una nota di Coldiretti – il nostro allarme sul rischio chiusura delle aziende frutticole che negli ultimi sette anni hanno dovuto far fronte a quattro campagne di crisi.Nell’esaminare i dati comparati del censimento agricolo del 2000 e del 2010 – rileva Coldiretti Emilia-Romagna – risulta che le aziende frutticole nella regione erano 30.603 all’inizio del terzo millennio e sono diventate 18.300 alla fine dell’anno scorso, con un calo del 40,2%. La superficie coltivata a frutta nello stesso periodo è passata da 86.040 ettari a 67.136, con un calo percentuale del 22%. Situazione analoga per le orticole: il numero delle aziende è diminuito del 37,6% passando dalle 11.650 del 2000 alle 7.265 del 2010, mentre la superficie è passata da 49.172 a 43.920, con un calo del 12%.La diminuzione di oltre 19.000 ettari di superficie con alberi da frutto e di 5.250 ettari di ortaggi – commenta Coldiretti – significa che c’è un tendenziale abbandono di coltivazioni di alta qualità e ad alta specializzazione che costituiscono l’eccellenza dell’agricoltura italiana e che contribuiscono a mantenere alta la redditività dei terreni e l’occupazione."E’ proprio per cercare di arrestare la tendenza ad abbandonare queste colture – spiega il presidente di Coldiretti Emilia-Romagna, Mauro Tonello – che nelle ultime settimane ci siamo impegnati a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e dei pubblici amministratori sulla necessità di valorizzare l’ortofrutticoltura italiana. E’ un obiettivo che deve vedere impegnati tutti, compreso il mondo commerciale della grande distribuzione, perché la sparizione dell’ortofrutta diventa un impoverimento per tutto il Paese. In particolare per i consumatori significherà pagare di più frutta proveniente da chissà dove e con minori garanzie di sicurezza".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet