Fellini, AIRiminum punta al sistema regione


AIRiminum 2014 S.p.A., società di gestione dell’Aeroporto Internazionale di Rimini e San Marino Federico Fellini, ha avviato fin dall’inizio della primavera 2016 una campagna di promozione e presentazione dei propri programmi incontrando i principali tour operator, compagnie aeree e aeroporti a livello europeo e internazionale.

Nel merito, il modello di business delineato per lo sviluppo dell’aeroporto nei prossimi anni si basa sul traffico passeggeri (turismo e business), merci (cargo) e aviazione generale. In particolare, l’espansione dei flussi turistici rappresenta, nelle strategie di AIRiminum 2014, l’impulso primario per una crescita rapida, da realizzare partendo dal traffico incoming – in virtù delle caratteristiche storiche dell’aeroporto – e avviando al contempo lo sviluppo progressivo di un flusso outgoing attraverso la creazione di un network di voli di linea.

Inoltre, AIRiminum 2014 ha recentemente avviato una serie di incontri con i principali attori del territorio, nella convinzione che per attrarre l’interesse dei maggiori operatori del turismo internazionale sia fondamentale instaurare un processo di cooperazione sistemica tra tutti i soggetti coinvolti nella definizione delle strategie turistiche della Romagna. “Gli incontri sono stati delle proficue occasioni di confronto che hanno rafforzato in noi la convinzione di aver intrapreso la strada corretta – afferma l’Amministratore Delegato di AIRiminum 2014 Leonardo Corbucci –. Abbiamo riscontrato con soddisfazione la consapevolezza, nei vari interlocutori, che gli ambiziosi risultati da noi perseguiti possano essere la molla per rendere finalmente operativo in maniera integrata il ‘Sistema Romagna’.”

Per quanto riguarda le possibilità di stabilire nuove connessioni internazionali, il mercato primario che AIRiminum 2014 intende intercettare è il Nord Europa, per poi allargarsi verso altri mercati che nei prossimi anni si affacceranno in maniera sempre più decisa nello scenario europeo. Con riferimento al Nord Europa, la società ritiene che la definizione di una partnership strategica pluriennale e sostenibile con una delle principali compagnie low cost europee sia lo strumento ideale per garantire una crescita repentina del flusso incoming, come ha dimostrato negli ultimi anni l’esperienza del vicino Aeroporto di Bologna (cresciuto ad oggi a circa 7,5 milioni di passeggeri).

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet