Febbre suina. Sorveglianza alta, ma evitare allarmismi


ROMA, 25 APR. 2009 – "Resta alta la sorveglianza" del ministero del Welfaqre in merito ai casi umani di influenza ‘suina verificatisi in Messico e negli Stati Uniti. ”Il Ministero sta monitorando ora per ora in costante contatto con gli organismi europei e internazionali l’evolversi della situazione in Messico e negli Stati Uniti", fa sapere il Sottosegretario alla Salute Ferruccio Fazio.Un numero verde per chi viaggia – Da ieri sono state allertate in particiolare la rete di controllo Influnet del Ministero, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, e le altre strutture per la sorveglianza del virus sul territorio. Gli Uffici di sanità marittima ed aerea del Ministero sono pronti a fornire informazioni per i viaggiatori diretti e provenienti dai Paesi in cui si sono verificati casi di influenza suina e si sta predisponendo l’attivazione di un numero verde dedicato di supporto per fornire informazioni a tali viaggiatori.Evitare inutili allarmismi – Sono stati allertati anche gli assessorati alla sanità delle Regioni e delle Province e autonome, sottolineando l’opportunità di evitare inutili allarmismi. E’ ancora in fase di valutazione, afferma il ministero, l’opportunità di assumere iniziative relative a controlli alle frontiere. Pronti per eventuali emergenze – Si segnala, infine, che l’Italia dispone di un preciso Piano concordato con gli altri Stati dell’Unione Europea di preparazione e risposta ad un’eventuale pandemia influenzale e di ampie scorte di farmaci antivirali da utilizzarsi in caso di necessità.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet