PATFRUT, IL FATTURATO SUPERA I 62 MILIONI DI EURO (+3%)


ferrara 8 luglio La campagna 2012/2013 si è chiusa con un bilancio positivo per la Patfrut, cooperativa ortofrutticola di Monestirolo di Ferrara aderente alle Organizzazioni di produttori Apo Conerpo ed Asso.Pa., a Conserve Italia, Confcooperative e Legacoop: è quanto emerso dall’Assemblea annuale. “Il fatturato – ha sottolineato il presidente Luciano Torreggiani – è aumentato del 3% circa passando dai 60,3 milioni di euro dell’esercizio precedente agli oltre 62,2 milioni dell’ultima campagna”. E questo nonostante la pesante crisi economica e l’anomalo andamento meteorologico del 2012 caratterizzato da una prolungata siccità estiva durata quattro mesi, con temperature sempre abbondantemente superiori alla media che hanno causato fenomeni di stress alle piante con forte riduzione della pezzatura dei frutti e conseguente calo delle produzioni. Da un eccesso all’altro, l’inizio dell’autunno è risultato invece estremamente piovoso con precipitazioni molto frequenti e violente che hanno provocato danni qualitativi e quantitativi alle varietà invernali di mele quali Fuji e Pink Lady.“Malgrado questa situazione non favorevole al nostro settore – ha dichiarato il presidente Torreggiani – Patfrut è riuscita comunque a valorizzare al meglio la produzione dei propri soci, scesa da oltre 137.000 a 98.200 tonnellate con una diminuzione del 26,5% rispetto al 2011, un’annata, occorre ricordarlo, caratterizzata da un’offerta eccezionalmente abbondante con punte del 90% di maggior produzione nelle pere. A fronte di questa riduzione di volumi produttivi, il valore del prodotto conferito nell’ultima campagna è invece aumentato del 13,7%, passando da oltre 20,8 a 23,7 milioni di euro. “Grazie alla minor offerta e agli ottimi standard organolettici e qualitativi della produzione commercializzata dalla Patfrut – dichiara il direttore, Danilo Pirani – la liquidazione ai soci ha raggiunto livelli più che soddisfacenti e superiori alla media registrata sul mercato, con punte di 1 euro al chilo per le pere Abate, 90 centesimi per le Conference, 80 centesimi per le mele Fuji, 30 centesimi per le patate Primura, 23 centesimi per le cipolle rosse”. “Questi risultati, che dimostrano il grande impegno con cui la Patfrut persegue la sua mission, ovvero valorizzare i prodotti dei soci, – ha ricordato Torreggiani – sono anche il frutto di politiche rigorose basate su una attenta gestione di tutte le fasi aziendali, di un forte contenimento dei costi, di oculate scelte commerciali”. “La nostra Cooperativa – ha concluso infine il presidente – ha anche intrapreso il percorso per l’adozione di un modello di organizzazione, gestione e controllo in linea con quanto previsto dal Decreto Legislativo 231/2001. Il primo passo verso la compiuta applicazione del modello è stato l’adozione del Codice Etico, che raccoglie i principi generali e i criteri comportamentali cui Amministratori, Soci e Dipendenti sono chiamati ad attenersi nello svolgimento delle proprie attività professionali e nelle relazioni aziendali”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet